Nuovo primato del Politecnico di Torino

Con 65,5 milioni di euro, il Politecnico di Torino è il primo ente del Piemonte per finanziamento ricevuto sul programma dell'Unione Europea per la ricerca e l’innovazione Horizon 2020 e l’Ateneo ha quasi raddoppiato il numero di proposte presentate, rispetto al precedente programma quadro. Sono alcuni dei risultati che emergono dall’analisi condotta dall’Area Ricerca sull’andamento dell’Ateneo nei primi sei anni di implementazione del programma, con l’obiettivo di fornire agli organi di governo un quadro di riferimento che possa aiutare la definizione delle politiche di supporto alla partecipazione ai bandi europei e, allo stesso tempo, sia di aiuto ai ricercatori nella scelta dei prossimi bandi di finanziamento.
L’analisi è stata condotta su 3.337 topic, mettendo a confronto i risultati del Politecnico con quelli degli altri enti italiani e europei, con un termine di riferimento temporale al 1 dicembre 2019.
A quella data, in tutto il programma sono stati firmati 25.686 Grant Agreement, per un contributo complessivo di oltre 46 miliardi di euro; in Italia i beneficiari sono stati 3.200, cioè il 9% del totale. Il dato più rilevante che emerge dall’analisi indica che, appunto, il Politecnico ha ottenuto 65,5 milioni di euro, l’1,7% del budget assegnato all’Italia ed è il primo ente del Piemonte per finanziamento ricevuto. A, livello nazionale l'Ateneo si colloca all’ottavo posto tra gli enti e al quarto tra le università, nella classifica delle prime 10 organizzazioni per contributo ottenuto.
Relativamente alla partecipazione ai bandi, dall’inizio del 2014 il Politecnico di Torino ha presentato 1.290 proposte, il 2,8% a livello nazionale e il 42% in più rispetto a quanto presentato nel precedente programma. Il tasso di successo medio di Polito si aggira intorno al 15%, con il picco del 20% raggiunto nel 2017.