Ivrea-coin, la moneta virtuale per la città destinata a diventare smart e sostenibile

Anna Carbone (Politecnico Torino)
Una città sostenibile e tecnologicamente avanzata, auto ibride o elettriche sulle strade, pagamenti in moneta virtuale, servizi pubblici sempre più efficienti, guidati da sistemi di Intelligenza Artificiale, un'amministrazione che premia i comportamenti virtuosi dei cittadini e permette loro di esprimersi sui temi più importanti. È questo il futuro immaginato per la città di Ivrea dagli ideatori del progetto "Smart Ivrea Project", che ha ricevuto il finanziamento da parte del ministero dello Sviluppo Economico.
Il progetto, che ha come capofila l'Agenzia per l'Italia Digitale, è stato selezionato insieme ad altri cinque in tutta Italia, all'interno del "Programma di supporto alle tecnologie emergenti 5G". E proprio la tecnologia 5G permetterà la realizzazione di una piattaforma digitale, asse portante del progetto, capace di interfacciarsi con le tecnologie più avanzate e implementare un modello di gestione intelligente dall’efficientamento energetico alla mobilità sostenibile al servizio dell’ecosistema cittadino.
Il Politecnico di Torino è partner di eccellenza, insieme al gruppo Tim-Olivetti-Trust Technologies, Comune di Ivrea e Confindustria Canavese, all’avanguardia per quanto riguarda le competenze di Intelligenza Artificiale e Data Science, che, infatti, si occuperà di analizzare la complessità dei dati generati dall’ecosistema di servizi pubblici e privati e di sviluppare i modelli previsionali.
Al Politecnico, dunque, verranno sviluppati gli algoritmi intelligenti e i modelli decisionali per le consultazioni dei servizi al cittadino sull’ecosistema complesso della città e del territorio circostante. A ciò sarà collegato anche un sistema premiale, che motivi il cittadino ad avere comportamenti virtuosi, in particolare dal punto di vista della sostenibilità ambientale e dell’inclusione sociale.
Ci saranno anche gli Ivrea-coin, una moneta virtuale per l’implementazione di un modello di economia circolare tra i singoli, le piccole e medie imprese e la pubblica amministrazione. L’eccellenza della soluzione proposta non risiede solamente nell'utilizzo delle tecnologie più innovative ma anche nell'adozione del primo modello sociale di governance partecipata, che supera i tradizionali modelli gerarchici finora sperimentati.
La sperimentazione di questa piattaforma nel territorio di Ivrea non è casuale; Ivrea, infatti, è stata nominata "Città Industriale del XX secolo" e Patrimonio Mondiale dell'Unesco a luglio 2018, proprio in virtù della storia di innovazione industriale che ha caratterizzato la città.
L’attività progettuale non solo si ispira, ma permetterà praticamente di adottare e replicare l’efficacia della filosofia industriale promossa da Adriano Olivetti nei confronti dei propri dipendenti, estendendo il concetto di appartenenza e di progresso socio-culturale a tutti i cittadini” ha commentato Anna Carbone, referente del Politecnico di Torinoper il progetto
L'attività di ricerca, attualmente ancora in fase embrionale, inizierà nel primo trimestre 2020 e durerà 24 mesi.