Exor sale al record storico di 73,50 euro capitalizzazione balzata a 17,7 miliardi

Seduta borsistica particolarmente positiva quella di oggi, 24 gennaio, per la scuderia della famiglia Agnelli-Elkann-Nasi. Tutte le sue controllate hanno chiuso con un rialzo e la capogruppo Exor ha fatto segnare il suo nuovo record storico. L'ultimo prezzo dell'azione Exor, infatti, è stato di 73,50 euro, non soltanto superiore dell'1,55% a quello precedente, ma, appunto, suo nuovo massimo. Così, Piazza Affari ha riconosciuto a Exor il valore di 17,7 miliardi di euro, un miliardo in più rispetto a fine dicembre.
Comunque, anche le altre quotate che fanno capo alla nota famiglia torinese hanno presentato confronti positivi rispetto a ieri: il rialzo di Cnh Industrial è stato dell'1,33%, mentre è stato dell'1,09% quello della Ferrari; Fca ha terminato con l'aumento dello 0,80% e la Juventus con l'incremento dello 0,29%.
Oggi, quando l'indice Ftse Mib, che rappresenta le 40 principali società negoziate alla Borsa di Milano, ha chiuso a 23.969 punti (+1,11% rispetto a ieri), soltanto otto quotate piemontesi hanno subito un ribasso. Sono: Bim Banca Intermobiliare (-1,07%), Fidia (-0,39%) Pattern (-3,96%), Pininfarina (-0,86%), Reply (-0,39%), Sogefi (-2,26%), Ubi Banca (-0,11%) e Visibila Editore (-4,86%).