Autobus, nel '19 gli acquisti calati del 7% in Piemonte comprati 23 solo elettrici

Nello scorso dicembre, in Italia, sono stati immatricolati 282 autobus con peso totale a terra (ptt) superiore a 3.500, lo 0,4% in meno rispetto allo stesso mese del 2018. Lo ha comunicato l'Anfia, l'associazione nazionale dell'automotive, precisando che hanno continuato a crescere i minibus (+115,8%) e gli scuolabus (+18,2%), mentre hanno denunciato cali a doppia cifra gli altri comparti: -11% per gli autobus adibiti al trasporto pubblico locale (tpl) e -59,6% per gli autobus e minibus turistici.
Nell’intero 2019, sono stati rilasciati 4.249 nuovi libretti di autobus contro i 4.567 del 2018, con un calo tendenziale del 7%. Hanno mantenuto il segno positivo i minibus (+8,1%) e gli scuolabus (+9%), mentre hanno chiuso in flessione rispetto al 2018 gli autobus adibiti al tpl (-14,6%) e gli autobus e minibus turistici (-5%).
Per quanto riguarda le alimentazioni, nell’anno appena trascorso sono stati rilasciati 623 libretti di circolazione di autobus con motorizzazione alternativa, in aumento del 37% e con una quota di mercato del 15% (era il 10% nel 2018). Le motorizzazioni a metano diminuiscono del 21%, con 303 veicoli, mentre quelle ibride gasolio/elettrico passano da 19 autobus nel 2018 a 255 nel 2019, di cui il 47% sono di Iveco.
Gli autobus solo elettrici immatricolati nel 2019 sono 65 (erano 53 nel 2018), di cui 13 del costruttore Rampini e 1 di Italbus, mentre i restanti sono cinesi e polacchi.
Le Regioni che hanno acquistato più autobus ibridi sono state: Lombardia (107), Toscana (61), Trentino-Alto Adige (32), Emilia-Romagna (28) e Liguria (12). Gli autobus elettrici sono finiti invece in Lombardia (18), Sicilia (16), Piemonte (13) e Liguria (10).
Quanto ai veicoli industriali, a dicembre 2019, sono stati rilasciati 1.990 libretti di circolazione di nuovi camion (-11,7% rispetto a dicembre 2018) e 1.055 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti, ovvero con ptt superiore a 3.500 kg (-17,5%).
Entrambi i comparti confermano un trend negativo nell’intero 2019: 23.622 libretti di circolazione di nuovi camion (-7,6% rispetto al 2018) e 14.494 libretti di circolazione di nuovi rimorchi e semirimorchi pesanti (-8,1%).
Analizzando il mercato per tipologia di veicolo, i volumi degli autocarri rigidi risultano, nell’anno da poco concluso, allineati a quelli del 2018 (+0,4%), mentre i trattori stradali sono in flessione del 15%. Si mantiene positivo il mercato degli autocarri per cantiere (+22%). Guardando, invece, alle alimentazioni, gli autocarri alimentati a gas registrano, nel 2019, una quota del 6,2%, per un totale di 1.467 veicoli. Nello specifico, le vendite di autocarri a metano crescono del 34% e del 49% quelle di veicoli a Gnl.