Visibilia Editore, ok a aumento di capitale oltre che all'acquisto di azioni proprie


Daniela Santanchè presidente di Visibila Editore
L'assemblea degli azionisti di Visibilia Editore, società quotata alla Borsa di Milano e controllata dalla cuneese Daniela Garnero Santanchè, che l'ha fondata e la presiede, ha deliberato di autorizzare il con siglio di amministrazione all’acquisto e alla disposizione di azioni proprie. L’operazione “trova giustificazione – spiega la società - nella finalità di compiere, direttamente o anche tramite intermediari, operazioni a sostegno della liquidità del titolo e della efficienza del mercato, nonché per eventuali impieghi di carattere finanziario, gestionale e strategico ritenuti meritevoli dall’organo amministrativo”.
Inoltre, in sede straordinaria, l'assemblea ha conferito al consiglio di amministrazione la delega ad aumentare il capitale sociale a pagamento, fino all’importo massimo di nominali 4,8 milioni di euro, comprensivo di sovrapprezzo, in una o più tranches, entro e non oltre il 31 dicembre 2024, in forma scindibile, mediante emissione di nuove azioni ordinarie di Visibilia Editore, aventi le stesse caratteristiche di quelle in circolazione, da offrire in opzione a tutti i soci.
“L’aumento di capitale è funzionale, per una parte (che verosimilmente verrà deliberata a breve, post conferimento della delega) a consentire a Visibilia Editore di perseguire le strategie di consolidamento e sviluppo della propria attività e, per la parte residua, a consentire alla società di cogliere future opportunità di investimento e quindi, allo scopo di dotarsi di uno strumento idoneo a supportare eventuali acquisizioni, che consentirebbero una crescita del perimetro editoriale. Detto aumento di capitale, strutturalmente sovrapponibile a quello già deliberato in data 29 aprile 2016, avrà efficacia dal 1 gennaio 2020 e quindi con il termine di decadenza della precedente delega”.