Tronzano: "L'aerospazio è la nuova Fiat"

Andrea Tronzano, assessore Regione Piemonte
alle Attività economiche e produttive
La conferenza finale del progetto Interreg Europe P2L2 sull’impiego di materiali avanzati per l’innovazione nel campo dell’aerospazio, svoltasi nei giorni scorsi a Brema, ha visto anche la presenza dell’assessore alle Attività economiche e produttive della Regione Piemonte, Andrea Tronzano, il quale giudica l’aerospazio “un settore sul quale si deve investire per il futuro, in quanto per l’economia del Piemonte e di Torino è una nuova Fiat e, per svilupparlo al meglio, dobbiamo investire anche nelle relazioni internazionali. Brema è stata un’occasione per vedere proprio come la sinergia e la collaborazione fra diverse Regioni possa portare risultati concreti”.
In Piemonte, il settore aerospazio rappresenta una delle eccellenze del tessuto produttivo, con particolare rilievo per l’innovazione tecnologica, a cui unisce manifattura di alto livello e capacità relazionali con Università e reti di ricerca: annovera 280 piccole e medie imprese, con il totale di 14.800 addetti e un fatturato annuo di 3,9 miliardi di euro. Da solo, il Piemonte detiene il 17% dell’export nazionale del settore, per un valore di 735 milioni di euro.
L'assessore Tronzano ha detto: “Stiamo lavorando per la Città dell’aerospazio in corso Marche ,a Torino, che metterà in relazione il cluster delle piccole e medie imprese con il Politecnico e i centri di ricerca. Inoltre, gli uffici sono all’opera per il piano Space economy nazionale, che anticipa le nuove indicazioni della Commissione Europea. E stiamo accelerando sul progetto Icios, in dialogo con ministero dello Sviluppo economico e Agenzia spaziale italiana, per intervenire sulla prevenzione dei danni e la manutenzione dei satelliti. Questa partita per la Regione vale, al momento, 13 milioni”.

Nessun commento: