Risorse, abitanti, economie e smart cities temi discussi ai 120 tavoli di "Visionary"

La terza edizione di Visionary Days, quest'anno, si svolge il 23 novembre, in parallelo in due città italiane – a Torino, alle Ogr-Officine Grandi Riparazioni e a Genova, a Palazzo Ducale - dando vita al primo evento connesso in Europa: un’esperienza di dieci ore di confronto, dalle 9.30 alle 19.30, in due piazze fisiche distanti oltre cento chilometri ma connesse in ogni momento, per agire come in un’unica grande tavola rotonda.
I partecipanti, distribuiti su 120 tavoli, guidati ognuno da un moderatore, si confronteranno sui temi in programma lungo tutta la giornata. I risultati verranno mappati, aggregati ed elaborati in tempo reale grazie al contributo di Lee, l’Intelligenza Artificiale di Visionary Days, una piattaforma tecnologica che connette virtualmente tutti i tavoli, elaborando, in simultanea, gli output ricevuti da ognuno di essi e restituendone una visualizzazione immediata attraverso gli schermi della sala, per abilitare così la contaminazione collettiva. Lee darà un’unica forma alla voce dei Visionari e contribuirà a fissarla in un Manifesto, poi stampato e consegnato a tutti i partecipanti alla fine della giornata.
Secondo la visione strategica a lungo termine della Commissione Europea, il 2050 dovrà essere il punto di arrivo per avere un’Europa prospera, moderna, competitiva e climaticamente neutra. Ma come raggiungere questo risultato?
Visionary Days prevede quattro sessioni di confronto, su ognuno dei due palchi di Torino e Genova, che saranno introdotte dalle riflessioni di speaker d’eccezione (imprenditori, ricercatori, attori, economisti), che parleranno di Risorse, Abitanti, Economie e Smart Cities.
Al termine della giornata salirà sul palco della Sala delle Fucine delle Ogr, a Torino, in collegamento con Genova, il ministro alle Politiche Giovanili, Vincenzo Spadafora che, accompagnato dalla giornalista Cecilia Sala, dialogherà con i giovani visionari raccogliendo gli spunti e le riflessioni maturati nel corso dell’evento nei tavoli di lavoro e organizzati dall’IA Lee. 
Quest’anno, Visionary Days non si concluderà in un’unica giornata, ma proseguirà il 30 di novembre, allo spazio Heritage di Fca a Torino, con un appuntamento riservato ai 120 moderatori dei tavoli della terza edizione, per approfondire le visioni sulla e-mobility e lavorare in team su progetti visionari per la mobilità sostenibile.
I moderatori dei tavoli di Visionary Days sono ragazzi e ragazze selezionati tra gli studenti delle Università di Torino e Genova e del Politecnico di Torino, grazie a una call condotta in collaborazione con il Clab di Torino e il Festival della Scienza di Genova, che si sono occupati di fornire un corso di formazione pre-evento per la gestione dei gruppi di lavoro.
Visionary Days è un esperimento di visione collettiva che fa incontrare, per la prima volta, persone con differenti background per discutere e modellare insieme un’idea di Futuro. È organizzato dall’associazione Visionary, fondata da un gruppo di studenti del Politecnico di Torino, ma nasce per non porsi limiti o confini ed espandersi ovunque gruppi di giovani visionari siano pronti a raccogliere la sfida di far collidere le proprie idee con quelle degli altri.
Visionary Days è un evento a ingresso gratuito, reso possibile grazie al sostegno di Compagnia di San Paolo, Fondazione Crt e Politecnico di Torino e alle partnership con Fca, Nestlè Italia, Reply. Hanno concesso il loro patrocinio il ministero alle Politiche Giovanili, la Regione Piemonte e la Regione Liguria, la Città di Torino, l’Università di Genova, Il Consiglio Nazionale per le Ricerche e l’Agid. Educational partners: Master in Giornalismo di Torino, Scuola Holden, Escp Europe e Dott come micromobility partner dell’evento.
Alla presentazione, per la Compagnia di San Paolo, era presente Matteo Bagnasco, responsabile dell'area Innovazione culturale.

Nessun commento: