L'Accademia di Educazione Finanziaria nata per aiutare a fare scelte responsabili

Offrire un’informazione oggettiva e di qualità sui temi finanziari che accompagnano il nostro quotidiano. È questo l’obiettivo dell’Accademia di Educazione Finanziaria, associazione senza scopo di lucro presentata, pochi giorni fa, a Torino, nella sede della Fondazione Sandretto Re Rebaudengo.
A spiegare le ragioni che hanno motivato la creazione dell’Accademia, gli scopi che persegue e le iniziative che si propone di mettere in atto è stato Beppe Ghisolfi, fra l'altro vicepresidente e tesoriere del Gruppo Europeo delle Casse di Risparmio. Un altro socio fondatore, Agostino Re Rebaudengo, presidente di Asja Ambiente Italia e membro del Consiglio generale di Confindustria, ha moderato gli interventi e guidato il dibattito.
L’Accademia, con la sua attività, intende contribuire a colmare il vuoto educativo finanziario, collaborando con istituzioni, soggetti accademici e organizzazioni della società civile.
Strumento primario di divulgazione dei temi cari all’Accademia è il sito internet (https://www.accademiaef.org), all’interno del quale un’intera sezione è dedicata al Vocabolario della Finanza, un utile compendio contenente molti dei principali termini finanziari spiegati in modo chiaro e comprensibile: dall’austerity al credit crunch, dalla differenza tra deficit e debito pubblico a quella tra inflazione e deflazione, passando per l’euro e i suoi punti di forza e di debolezza.
“Economia finanziaria ed economia reale non sono mai state così tanto incrociate, nel loro rapporto di causa-effetto, come oggi e ancora più nel futuro. Educare alla finanza equivale a educare alle nostre scelte di consumo e investimento” ha detto Beppe Ghisolfi, il quale ha aggiunto che “tra gli scopi dell’Accademia c’è quello di rendere accessibile il linguaggio della finanza, per meglio comprendere la realtà che ci circonda. Oggi, anche se non ti occupi di economia, l’economia si occupa di te.“
“Acquisire un’educazione finanziaria può certamente aiutare a non sentirsi in balia di un sistema economico complesso, interdipendente e condizionato da flussi economici impossibili da controllare” ha commentato Agostino Re Rebaudengo, sottolineando che “comprendere i principi base della finanza può concretamente migliorare la vita delle persone, aiutandole a compiere scelte più responsabili. Per questa ragione sono tra i soci fondatori dell’Accademia.
Sono intervenuti alla presentazione anche i soci fondatori Sabrina Bosia, Marco Buttieri e Alberto Rizzo.

Nessun commento: