Prima Industrie celebra i 20 anni di Borsa con nuovi impianti e altri investimenti

Gianfranco Carbonato, presidente Prima Industrie
Prima Industrie, che sviluppa tecnologie innovative per l’industria, quotata a Piazza Affari nel segmento Star, ha festeggiato i 20 anni dalla quotazione in Borsa ospitando nel proprio headquarter di Collegno la seconda edizione degli Innovation Days, l’evento internazionale dedicato alle tecnologie innovative per l’Additive manufacturing e la lavorazione della lamiera, a cui hanno partecipato circa 300 ospiti, tra i quali clienti, esponenti di università e centri di ricerca, oltre a investitori, rappresentanti di banche e proprio di Borsa Italiana.
L’azienda guidata da Gianfranco Carbonato ha colto l’occasione per calare il sipario sul nuovo Advanced Laser Center, 4000 metri quadrati dedicati al nuovo laboratorio di ricerca e innovazione dei sistemi di produzione laser avanzati. Fra l'altro, l’edificio che lo ospita è stato costruito con i più recenti criteri di edilizia sostenibile e sfrutta sistemi geotermici e pannelli solari per ridurre al minimo l’impatto ambientale.
La nuova sede fa parte di un programma più ampio di rinnovamento dei siti del gruppo, iniziata nel 2016 con la realizzazione del nuovo Headquarter e Tech Center di Collegno, che si completerà entro il prossimo anno con la costruzione del nuovo stabilimento produttivo per le macchine laser, attualmente situato in un’altra area torinese.
L’investimento complessivo sul territorio è di circa 25 milioni di euro e permetterà a Prima Industrie di aumentare l’efficienza, accorpando le sedi di Collegno, migliorare la customer experience nelle aree dedicate ai visitatori e poter contare su ambienti lavorativi più moderni e organizzati.
Era il 27 ottobre 1999, quando le azioni Prima Industrie (uno dei pionieri del “Nuovo Mercato”) furono, per la prima volta, ammesse alla quotazione a Milano, al prezzo di 7,5 euro ciascuna. La società fatturava allora poco meno di 60 milioni di euro e l’Ipo fu un successo. Oggi, il gruppo ha una dimensione globale e fattura circa otto volte quello che fatturava vent'anni fa.

Nessun commento: