Crescono intelligenza artificiale e robotica ma in Piemonte meno che in altre regioni locomotive locali il Novarese e il Biellese

“Intelligenza artificiale e robotica. Un business in progressiva crescita, anche in Piemonte. Dove, però, l'accelerazione è inferiore a quella di altre regioni italiani. Come quasi sempre, si va avanti, ma con minore velocità, così che aumenta il distacco dai campioni. Tanto che il Piemonte risulta soltanto al quinti posto nella graduatoria nazionale per i ricavi generati dalle vendite delle imprese attive nei settori dell'intelligenza artificiale e della robotica, vantandone per 3,361 miliardi di euro (nel 2017, ultimo dato disponibile), a fronte dei 3,948 miliardi del Veneto, i 4,110 miliardi dell'Emilia-Romagna, gli 8,403 miliardi del Lazio e i 30,037 miliardi della Lombardia”.
Lo ha riportato L'Economia del Nord Ovest, il supplemento pubblicato ogni lunedì dal Corriere Torino, edizione locale del Corriere della Sera, guidata ora da Marco Castelnuovo, subentrato, l'1 ottobre, a Umberto La Rocca.
Il fatturato italiano del settore, nel 2017, è stato di 60,193 miliardi, per cui la quota delle imprese piemontesi è del 5,58%, più bassa di diversi settori che pure sono meno importanti per il progresso produttivo e tecnologico.
Comunque, al 30 giugno, il Piemonte contava 7.284 imprese operanti nei settori dell'intelligenza artificiale e della robotica (+5,8% rispetto a cinque anni fa) con 32.990 dipendenti (-8,1%). In tutta l'Italia erano 103.897 (+9,9%) con 429.219 addetti (+16,5%)
In particolare, nella provincia di Torino operavano allora 4.657 aziende (+5,2% rispetto al 2014) con 25.412 dipendenti (+12,2%).
La provincia piemontese che ha fatto registrare il maggior tasso d'incremento di imprese del settore, negli ultimi cinque anni, è Novara con il 13.2%, arrivata a 582; mentre la crescita relativamente più alta di dipendenti si è avuta nel Biellese, dove sono diventati 926 (+108,6%).
Ed ecco il numero delle imprese avanzate nelle altre province: Cuneo 695 (+9,3% sul 2014), Alessandria 480 (+1,3%), Asti 252 (+6,8%), Biella 244 (+6,1%), Verbania 188 (+2,2%), Vercelli 186 (+1,1%). Ed eccone i rispettivi addetti: Cuneo 2.702 (+25,9% rispetto a cinque anni fa), Alessandria 1.275 (+6,8%), Asti 455 (+26,4%),, Novara 1.410 (+10,3%), Verbania 423 (+34,6%) e Vercelli 387 (+16,9%).

Nessun commento: