Come la Compagnia di San Paolo sostiene la cultura contemporanea torinese

La Compagnia di San Paolo sostiene la cultura e i linguaggi contemporanei, riconoscendone non solo il grande valore culturale, ma anche sociale ed economico per la città di Torino. Tale impegno ha visto evolvere negli anni il ruolo della Compagnia da sostenitore delle istituzioni museali e degli eventi culturali a interlocutore e attivatore di processi innovativi per l’intero sistema della cultura contemporanea torinese in una visione di filiera del comparto in grado di accrescere in tale ambito l’attrattività dell’area per target diversi.
In questo quadro, anche nel 2019 la Compagnia rinnova il proprio impegno a favore degli eventi del contemporaneo che si svolgono a Torino in occasione della settimana di Artissima e che concorrono a qualificare ad alto livello il panorama e l’offerta culturale dell’autunno torinese.
In particolare, la Compagnia conferma il proprio sostegno a favore di Artissima, supportando Artissima Digital, il progetto di innovazione e sviluppo della dimensione digitale della fiera, che si propone di formare un ecosistema capace di consolidare l’identità della manifestazione, raggiungere nuovi interlocutori e valorizzare le competenze e le risorse del territorio dell’arte e della cultura contemporanea.
Si rinnova anche l’impegno con Club to Club, festival di avantpop tra i più apprezzati d’Europa, attento alla trasversalità e permeabilità dei linguaggi espressivi contemporanei, capace di proporre i protagonisti di primo piano del panorama musicale elettronico e una consolidata competenza organizzativa attiva sul territorio 365 giorni l’anno.
In linea con la volontà di promuovere iniziative che favoriscono la creatività, la creazione e la valorizzazione di network nazionali e internazionali, la conoscenza, lo scambio e al confronto di esperienze creative nei diversi generi della cultura contemporanea, la Compagnia conferma il proprio sostegno anche a favore di The Others, osservatorio privilegiato sulla creatività internazionale, spazio di proposta culturale sperimentale e anticonvenzionale, di Paratissima, dedicata ad artisti e creativi emergenti non ancora entrati nel circuito ufficiale dell’arte e ad artisti già conosciuti che desiderano relazionarsi in un ambiente dinamico e con un contesto sociale allargato e del programma culturale di Flashback, la fiera che propone una chiave di lettura innovativa del contemporaneo sia nelle modalità di allestimento delle gallerie selezionate sia nella riflessione che promuove con le proprie iniziative collaterali.
Da quest’anno, inoltre, l’area è impegnata a favore anche della fiera dei libri d’artista e dell’editoria d’arte Flat, ospitata dal 1 novembre alla Nuvola Lavazza.
In linea con l’impegno a favore dell’intero sistema della cultura contemporanea, la Compagnia sostiene anche la mostra del Crri in corso al Castello di Rivoli – Museo di Arte Contemporanea e le esposizioni alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, al Pav, a Camera – Centro Italiano per la Fotografia, alla Fondazione Merz, nonché il progetto di residenza Cripta 747, che, dal 30 ottobre, presenterà i lavori realizzati da Lee Fraser e Hilary Galbreaith vincitori della terza edizione del Residency Programme
Anche i progetti di Ora!
A Paratissima, dal 30 ottobre fino al 3 novembre, sarà possibile provare in anteprima un'installazione "teaser" della performance finale del progetto Zona Martiska, che sarà presentata durante il Festival della Tecnologia del Politecnico di Torino a partire dal 7 novembre; infine ,nell’ambito di Nexst, il 3 novembre, l’associazione Amalgama proporrà, alle 19, presso lo spazio AmenLoft (via Valprato 68), la performance “Canti del Caos.

Nessun commento: