Regione Piemonte: 2 milioni a 20 Comuni per eliminare l'amianto da luoghi pubblici

Matteo Marnati, assessore all'Ambiente
Regione Piemonte
Venti comuni piemontesi riceveranno dalla Regione, nei prossimi giorni, complessivamente, due milioni di euro per la bonifica di edifici comunali dall'amianto. I finanziamenti vanno da un minimo di 4.000 a un massimo di 250.000 euro. Da quest’anno, però, la Regione ha deciso di compiere uno sforzo in più, aggiungendo alla quota netta di finanziamento per la bonifica anche quella del ripristino.
Ha spiegato Matteo Marnati, assessore della Regione Piemonte all'Ambiente: “In passato è successo che alcune scuole riuscivano a sostenere le spese di bonifica, ma non quelle della ricostruzione delle parti eliminate, come, per esempio, i tetti. Così, molto spesso ,i Comuni non partecipavano neppure ai bandi. Oggi, invece, la Regione ha deciso di finanziare al 100% sia la bonifica sia la ricostruzione e anche gli oneri per la sicurezza”.
«La bonifica dell’amianto- ha aggiunto Marnati -è una delle attività che seguo personalmente, tenuto conto che, purtroppo, ancora oggi, quella dell’eternit è una piaga ambientale”.
A oggi – ha detto ancora l’assessore Marnati - la Regione ha coperto il 90% del fabbisogno richiesto in ambito scolastico. Mancano dieci scuole per raggiungere il traguardo del 100%”.
Di seguito l’elenco dei Comuni che hanno ricevuto i finanziamenti: Sanfrè 35.000 euro per la palestra del plesso scolastico comunale, Mondovì 112.000 per lA Scuola media Anna Frank, Carignano 217.000 per l'impianto sportivo Garavella, Avigliana 250.000 per l'edificio polivalente "La Fabrica”, Chieri 15.000 per la scuola primaria N.S. della Scala, Grugliasco 250.000 per la scuola secondaria "Carlo Levi", Alessandria 123.00o per la scuola secondaria "P. Straneo", Novara 45.341 per la sScuola primaria Coppino, Novara 99.829 per la scuola Infanzia Sabin, Canelli: 10.000 per la Cabina elettrica comunale, Scalenghe 8.800 euro per la scuola media comunale, Pinerolo 151.186 per la Scuola infanzia/primaria Riva, Molare 6.325 per la Bocciofila comunale, Montechiaro D’Acqui 88.782 per il circolo La Ciminiera, Alpignano 4.410 per la Scuola Media Statale Tallone, Predosa 7.000 per il locale caldaia Palestra, Predosa 28.000 per gli spogliatoi ex campo sportivo, Bra 20.156 per il Museo Civico di Storia Naturale "Ettore e Federico Craveri", Envie 142.898 per la Bocciofila comunale, Valdilana: Mercato coperto (157.618 euro), Ivrea 173.806 per il Palazzo Comunale, Genola 48.739 per la Bocciofila Genolese.

Nessun commento: