Auto, produzione italiana in rosso acceso in luglio per le vetture il calo è del 19%

Gianmarco Giorda, direttore Anfia
Secondo i dati preliminari dell'Anfia, l'associazione dell'industria italiana dell'automotive, a luglio 2019 la produzione nazionale di autovetture in Italia è calata del 19% rispetto a luglio 2018, la stessa variazione del cumulato dei primi sette mesi dell’anno in corso.
Gianmarco Giorda, direttore dell'Anfia ha detto:“La produzione dell’industria automotive italiana nel suo insieme registra, a luglio, un calo tendenziale del 7,5%, che fa seguito alle flessioni già riportate nel primo semestre del 2019 e nell’ultimo trimestre del 2018. La chiusura dei primi sette mesi del 2019 è quindi negativa, con una variazione tendenziale pari a -9,3%. Anche la produzione italiana di parti e accessori per autoveicoli e loro motori mantiene il segno meno nel mese di luglio (-4,8%), così come nel cumulato (-6,3%)”.
Per quanto riguarda il fatturato del settore automotive, a giugno la variazione negativa è dell’8,2% (-10,5% il fatturato interno e -4,3% quello estero) ed è del 9,4% nei primi sei mesi (-12,7% il fatturato interno e -4,4% quello estero).
A giugno 2019 - ultimo dato disponibile) - il valore delle esportazioni di autoveicoli dall’Italia è di 1,9 miliardi di euro, il 4,7% e risulta in calo dell’8,3%. L’import di autoveicoli vale, invece, 2,9 miliardi (+0,6% rispetto a giugno 2018). La Francia rappresenta, in valore, il primo Paese di destinazione per l’export di autoveicoli dall’Italia, con una quota del 16,3%, seguita da Stati Uniti e Germania, entrambi con una quota del 13,4%.
In Italia la filiera dell’auto conta 536.811 addetti, di cui 7 su 10 (69,7%), equivalenti a 374.135 addetti, lavorano in imprese con meno di 50 addetti. Oltre un terzo degli addetti della filiera, il 34,2%, pari 185.485 occupati, si trova nell’artigianato. Alla fine di giugno risultano 175.173 le imprese che operano nella filiera auto, di cui 77.260 unità, pari al 44,1%, sono artigiane.
La quasi totalità di queste imprese artigiane della filiera (93%) appartengono al comparto manutenzione e riparazione di autoveicoli. Queste si occupano principalmente di effettuare riparazioni meccaniche di autoveicoli (54,4%) e riparazione di carrozzerie di autoveicoli (27,7%). Inoltre una impresa su sette (77%) delle 92.418 dell’autoriparazione è artigiana (71.851). Nel comparto, inoltre, si osserva una elevata concentrazione di piccole imprese che occupano il 98,3% degli addetti.
Per il 2019 si stima un fatturato del comparto manutenzione e riparazione autoveicoli pari a 14,223 miliardi di euro.

Nessun commento: