Reale Group: primi profitti anche in Cile Filippone: analisi per crescere all'estero

Il consuntivo di Reale Group relativo al primo semestre 2019 riporta l'utile di 75,3 milioni di euro, calcolato secondo i nuovi principi contabili internazionali Ias-Ifrs, degli 85 milioni del corrispondente periodo 2018, che però beneficiava di proventi straordinari per oltre 34 milioni (saldo netto tra i proventi dell’operazione di cessione parziale delle quote in Sara Assicurazioni e gli oneri sostenuti per l’attivazione del Fondo di Solidarietà per i dipendenti nell’ambito del progetto di riorganizzazione del Gruppo). Al netto dei proventi straordinari, perciò, l’utile del primo semestre 2018 sarebbe stato di 51 milioni.
Comunque, i risultati del primo semestre 2019 si confermano positivi in tutte le società del Gruppo torinese, compresa la start-up cilena Reale Chile Seguros, che, per la prima volta, registra un profitto, seppur di lieve entità.
La raccolta premi complessiva, pari a 2,6 miliardi, evidenzia un +14,1% rispetto all’analogo periodo del 2018, per effetto principalmente della componente Vita (1 miliardo e +37,6%) e in misura più contenuta di quella Danni (1,6 miliardi e +3,2%).
Il patrimonio netto è aumentato, passando dai 2,6 miliardi della fine del 2018 a 2,7 miliardi del 30 giugno scorso.
Quanto alla capogruppo, Reale Mutua evidenzia l’utile di 50,5 milioni. Il risultato del primo semestre dello scorso esercizio, pari a 107 milioni, beneficiava sia del saldo favorevole delle operazioni straordinarie citate per sia dei dividendi della controllata Reale Immobili, la cui erogazione, nel 2019, è invece differita in chiusura di esercizio; al netto di tali effetti, l’utile al 30 giugno 2018 sarebbe stato pari a 59,8 milioni.
Entrambe le gestioni chiudono il primo semestre 2019 in positivo: quella Danni a 49,4 milioni (119,2 milioni al 30 giugno 2018) e quella Vita a 47,1 milioni (perdita di 9 milioni nel primo semestre 2018). I premi contabilizzati totali, pari a 1,14 miliardi, registrano un +8,4% sull’analogo periodo del 2018, grazie allo sviluppo sia dei rami Vita (+18,8% e 414 milioni) sia dei rami Danni (+3,3% e 727 milioni), con risultati positivi sia della componente non Auto (+1,6%) sia di quella Auto (+5,6%).
Luca Filippone, direttore generale Reale Mututa
“La semestrale al 30 giugno 2019 di Reale Group si caratterizza per l’ottimo livello del risultato conseguito; i dati confermano, inoltre, il significativo valore apportato al nostro Gruppo dall’acquisizione delle compagnie Uniqa, ora incorporate nella controllata Italiana Assicurazioni – ha dichiarato Luca Filippone, direttore generale di Reale Mutua, presieduta da Luigi Lana - Continueremo a puntare sull’attenzione ai bisogni e sulla qualità dei servizi ai soci/assicurati e ai clienti, perché siamo certi che il massimizzare la loro soddisfazione sia una delle caratteristiche fondamentali e insita nel nostro essere Mutua. Proseguiranno gli investimenti nel business, nell’innovazione e nella tecnologia, nonché le analisi sulle possibilità di crescita nei mercati internazionali, con l’obiettivo di diversificare il rischio Paese; il tutto, non distogliendo l’interesse nei confronti delle nostre persone, nonché delle collettività e dei territori in cui operiamo, agendo anche con il tramite di Reale Foundation, la fondazione corporate di Gruppo”.
Reale Group è attivo in Italia, in Spagna e in Cile, attraverso la capogruppo – Società Reale Mutua di Assicurazioni, la più grande compagnia assicurativa italiana in forma di mutua - e le sue controllate. Offre soluzioni e tutela a circa 5 milioni di clienti in campo assicurativo, bancario, immobiliare e dei servizi; con oltre 3.700 dipendenti tra Italia, Spagna e Cile. Nel 2018 Reale Group ha conseguito l'utile di 148 milioni di euro, con una raccolta premi di quasi 5 miliardi.

Nessun commento: