Po, jolly che Torino non ha ancora giocato

Per gentile concessione del Corriere Torino, viene pubblicato l'editoriale uscito oggi, domenica 11 agosto, sull'edizione locale del Corriere della Sera.
Pochi giorni fa, il Consiglio comunale di Torino ha approvato una mozione che impegna Sindaca e Giunta a designare il Po come “bene comune da tutelare e valorizzare” oltre che a recuperare i sei attracchi fluviali da Moncalieri ai Murazzi, “non soltanto per il trasporto turistico ma anche per la fruizione sicura da parte dei singoli cittadini, in un primo momento anche solo come punti panoramici e aggregativi”.
La stessa mozione, che ha l’obiettivo di valorizzare “gli spazi verdi e fluviali metropolitani in termini sostenibili e responsabili”, impegna il governo urbano a utilizzare anche le competenze delle società remiere presenti sul fiume Po” nello sviluppare il progetto di fruizione e un progetto di informazione e formazione per i frequentatori degli attracchi negli ambiti di sicurezza, modalità di fruizione, rischi e gestione in caso di eventi atmosferici”.
I firmatari della mozione, quindi, chiedono di avviare una procedura di messa a bando degli attracchi, procedendo in accordo con Gtt per quanto riguarda la gestione e la manutenzione delle strutture per l’imbarco/sbarco dei natanti a remi, favorendo nel bando l’aggregazione di più enti e associazioni presenti sul territorio, già operanti su attività/iniziative nel tratto di Po torinese.
Che esiti avrà la mozione si vedrà. Però, ha almeno il pregio di evocare il tema della situazione e delle potenzialità dell'area cittadina percorsa dal più grande fiume italiano, che potrebbe essere un rilevante fattore di sviluppo innanzi tutto per la città. Come dimostrano i casi del Tamigi a Londra, della Senna a Parigi, del Danubio a Vienna come a Budapest, della Moldava a Praga.
Nessun'altra città italiana ha un patrimonio come quello formato dal Po torinese: dalle sue sponde e dalle aree limitrofe, a partire da Moncalieri fino a San Mauro; il parco del Valentino e quelli più recenti, come Colletta e Vallere; le storiche società canottiere, i circoli sportivi, i Murazzi, i locali caratteristici tipo l'Imbarchino, i vasti giardini lambiti dall'acqua; i maestosi palazzi su una riva e la meravigliosa precollina sull'altra. Vista sulla Mole, su Superga, sul Monviso, fino sul Monte Rosa. Un panorama unico, impressionante per la sua bellezza.
Dall'alto un quadro idilliaco; ma chi voga sul Po o ne percorre le sponde constata una situazione ben diversa. Fra l'alto, si possono vedere scarichi di dubbia provenienza, zone degradate e altre non curate, piste e sentieri non attrezzati, locali chiusi da anni, giochi rotti, aree dominate dagli spacciatori. Per non parlare dell'impossibilità di frequentare quasi tutta l'area dopo il tramonto, quando, altrove, le rive dei grandi fiumi vengono rianimati dai frequentatori dei ristorantini o degli street fooder, dei battelli ancorati o naviganti, da giostre e spettacoli dal vivo, da mostre e musicanti, da impiegati e manager che fanno jogging su percorsi ben illuminati e sicuri, da tante famiglie a passeggio, da migliaia di turisti ...
I paragoni con le condizioni di altre città fluviali possono essere impietosi. Comunque, possono anche dare indicazioni preziose a chi volesse seguire esempi virtuosi.
Il Po torinese può diventare un rilevante motore economico, occupazionale, di sviluppo ambientale, urbanistico e sociale. Non è difficile immaginare come potrebbe risultare tutta la lunga fascia che affianca lo scorrimento del fiume se venisse considerata e trattata come un unicum, interamente collegata, dotata di campi per sport, piscine, passeggiate, lidi aperti e curati, installazioni per diverse attività confacenti al luogo, locali destinati a ospitare manifestazioni culturali ed esposizioni, punti di ristoro, la movida …
Certo, occorrerebbe un progetto ampio e ambizioso, coordinato con l'Aipo (l'Agenzia interregionale per il fiume Po), le Sovrintendenze, coinvolgente i soggetti privati e pubblici già operanti ma anche nuovi investitori specializzati. Sarebbe indispensabile, però, prima di tutto, che il Governo locale si ponesse l'obiettivo della grande valorizzazione del Po torinese, inteso come una risorsa di valore internazionale, perseguendolo, poi, con determinazione, pur con la consapevolezza dell'impegno, delle difficoltà e dei tempi che comporta.
Non lanciare la sfida del “Po nuovo tesoro di Torino” sarebbe un errore grave, che la città, impoverita, non dovrebbe permettersi. Il Po è un jolly, naturale, congenito, inalienabile; ma che va giocato, il più presto possibile

Nessun commento: