Nel business delle prenotazioni turistiche le imprese torinesi stanno perdendo colpi

Vale circa otto miliardi di euro all'anno il business delle prenotazioni turistiche in Italia, un settore che si basa su oltre 16.000 imprese con un totale di 49.000 addetti. Questi dati sono della Camera di commercio di Milano Monza Brianza Lodi, la quale ha precisato, fra l'altro, che la provincia di Torino è al quarto posto nella graduatoria nazionale per numero di imprese con l'attività specifica (602) e per numero di relativi addetti (2.825).
Il podio è occupato dalle province di Roma (2.102 imprese e 6.030 addetti), Milano (rispettivamente 1.152 e 6.846) e Napoli (1.074 e 2.603).
Al contrario delle province in testa e anche della media nazionale, la provincia di Torino denuncia che negli ultimi cinque anni ha subito un calo del 4,70% del numero di imprese che fanno prenotazioni turistiche e una perdita dell'11,30% della relativa occupazione (nello stesso periodo, le imprese del settore attive in Italia sono aumentate del 6,4%).
Proprio a causa soprattutto di Torino, anche il confronto dell'intero Piemonte è negativo: 1.054 le imprese attualmente operative in questa comparto dell'industria turistica, mentre erano 1.077 cinque anni fa (-2,1%) e 3.800 i loro addetti, a fronte dei 4.061 del 2014 (-6,4%). In particolare, le agenzie di viaggio sono 422 e i tour operator 53.
Ecco, comunque, i dati delle altre province della regione: Alessandria 69 imprese (-1,4% rispetto a cinque anni fa) e 169 addetti (+15%), Asti 40 (+5,3%) e 53 (-13,1%), Biella 35 (+9,4%) e 79 (+16,2%), Cuneo 139 (+5,3%) e 350 (+23,7%), Novara 80 (-1,2%) e 132 (+3,9%), Verbania 49 (-5,8%) e 117 (+7,3%), Vercelli 40 (-) e 75 (-7,4%).

Nessun commento: