Alleanza Politecnico e Università di Torino per iniziative comuni a favore dell'Africa

L’Africa è per il Politecnico un’area di interesse strategico. Con l’obiettivo di consolidare la sua presenza nel continente nero con azioni orientate alla ricerca e al trasferimento tecnologico, ma anche al capacity building e alla possibilità di avviare o rafforzare legami con enti italiani e stranieri che vi sono attivi, l’Ateneo torinese ha creato una struttura di coordinamento delle sue attività per questa area. La gestione dell’iniziativa è affidata a Francesca De Filippi, in pieno coordinamento con Stefano Corgnati, il vice rettore alla Ricerca.
Polito è attivo in Africa,con progetti, ricerche, collaborazioni, in tutto il Continente, dal Nordafrica all’Africa Subsahariana.
Gli ambiti di attività riguardano un ampio spettro, tra i quali: l’Africa delle città (sviluppo e urbanizzazione; migrazioni; presenza della Cina in Africa; resilienza e gestione insediativa e abitativa a fronte di emergenze complesse); la protezione del patrimonio culturale e l’architettura delle colonie; il Nexus Energy-Water-Food e la sicurezza energetica; il monitoraggio delle catastrofi, la mappatura e l’early warning a supporto degli aiuti umanitari; la gestione delle risorse ambientali; la produzione, l’innovazione, la creazione e il rafforzamento dell’imprenditoria locale; la progettazione di dispositivi a azionamento manuale per la produzione di elementi edilizi a basso costo.
Oltre alla decisione di avviare una più completa mappatura delle attività e delle collaborazioni esistenti, si è stabilito di definire dei cluster tematici inter e multi-disciplinari in grado di rispondere a richieste di collaborazione e consulenza e a bandi competitivi; sarà poi avviata una pianificazione periodica delle attività interne all’Ateneo relative al continente africano e saranno attivate le reti di cui il Politecnico fa parte o che lo supportano nelle sue attività (ad esempio, la rete delle ambasciate) per promuovere iniziative in ambito locale.
Ampliando lo sguardo a nuove opportunità, è stata presentata anche l’iniziativa sostenuta dei due rettori di Politecnico e Università di Torino per lo sviluppo di un progetto volto alla costituzione di un Centro Interateneo di studi, ricerche e attività di collaborazione, con focus specificamente orientato sull’Africa.
Con l’avvio delle azioni della struttura di coordinamento sull’Africa – ha commentato il vice rettore Stefano Corgnati – il Politecnico ha chiaramente identificato le direttrici sulle quali organizzare una azione strategica in termini di aree di interesse: oltre a Cina e Russia sulle quali già operiamo in modo strutturato e proficuo, ora aggiungiamo l’Africa. Le prospettive di impatto sono davvero significative, come ben emerso da quanto illustrato dai tanti ricercatori già operativi in questo affascinante e articolato continente”.
Conclude Francesca De Filippi:“La struttura di coordinamento vuole da un lato armonizzare e valorizzare le tante iniziative già in atto; dall'altro intende incentivare e potenziare le partnership e le opportunità di collaborazione dell’Ateneo con i Paesi africani, anche grazie alla connessione interateneo e con il territorio”.

Nessun commento: