Iren, meno profitti e più indebitamento

Iren ha chiuso il primo semestre con un utile netto di gruppo pari a 151 milioni, in calo del 18,4%rispetto ai 185 milioni del 2018. Escludendo l'effetto dei certificati energetici dello scorso anno, il risultato netto sarebbe in crescita del 19,5%.
Nel periodo sono stati registrati ricavi consolidati per 2,238 miliardi euro, il 15,6% in più rispetto a 1,937 milioni dello stesso periodo dell'anno precedente, dovuto prevalentemente ai ricavi di energia elettrica, che hanno beneficiato dell'aumento di volumi e prezzi.
Il margine operativo lordo
è pari a 478 milioni(-5,5% rispetto ai 506 milioni registrati nei primi sei mesi del 2018, sempre per l'impatto dei certificati, escludendo i quali, si registrerebbe un aumento del 12,7%).
Indebitamento finanziario netto è salito a 2,570 milioni di euro, 117 milioni in più rispetto al 31 dicembre 2018. Escludendo l'effetto dell'applicazione dell'Ifrs 16, pari a 105 milioni e l'impatto dell'acquisto di azioni proprie, l'indebitamento finanziario netto risulterebbe sostanzialmente in linea.

Nessun commento: