Gruppo Cir: positivi i risultati semestrali Kos (sanità) meglio di Sogefi e di Gedi

Rodolfo De Benedetti e Monica Mondardini 
Presieduto da Rodolfo De Benedetti, primogenito di Carlo, il consiglio di amministrazione della Cir, subholding del gruppo che fa capo alla Fratelli De Benedetti, ha approvato la prima semestrale 2019 presentata dall’amministratore delegato Monica Mondardini.
I ricavi del gruppo Cir, che opera principalmente nella sanità con Kos, nella componentistica automotive con Sogefi e nei media con Gedi Gruppo Editoriale (partecipata anche da Exor della famiglia Agnelli-Elkann-Nasi) sono ammontati a 1.362 miliardi (-3% rispetto al primo semestre del 2018): Kos ha registrato ricavi in crescita del 4,4%, Sogefi in flessione del 4,3% e Gedi del 6,1%. Il margine operativo lordo (Ebitda) consolidato è stato di 161,3 milioni (11,8% dei ricavi).
L’utile netto consolidato è stato di 2 milioni, che diventano 13,5 milioni se si escludono l’impatto della svalutazione registrata da Gedi sulla partecipazione Persidera nella prospettiva della sua dismissione (-7,9 milioni), l’effetto dei nuovi principi contabili ( -1,6 milioni) e gli oneri sostenuti dalla capogruppo per l’operazione di fusione per incorporazione di Cir in Cofide (nel primo semestre del 2018, il risultato netto era stato di 24,1 milioni). 
Il risultato netto di Kos è stato positivo per 14,4 milioni e quello di Sogefi per 6,9; mentre è stato negativo per 19,1 milioni quello di Gedi. 
L’indebitamento finanziario netto consolidato al 30 giugno 2019, esclusi i debiti finanziari per diritti d’uso introdotti dal principio contabile Ifrs 16, ammonta a 357,4 milioni rispetto ai 297,1 al 31 dicembre 2018 e ai 320,6 milioni al 30 giugno 2018.
La posizione finanziaria netta della capogruppo (incluse le controllate non industriali) al 30 giugno 2019 è positiva per 324,7 milioni, stabile rispetto ai 325,5 milioni a fine 2018 e ai 329,4 milioni al 30 giugno 2018. Nel primo semestre, il flusso della gestione è stato positivo per 28 milioni, sono stati distribuiti dividendi per 25 milioni e sono state acquistate azioni proprie per 3,2 milioni. Il patrimonio netto di gruppo al 30 giugno 2019 era pari a 908,5 milioni rispetto a 936,2 milioni al 31 dicembre 2018.
Al 30 giugno scorso il gruppo Cir ha contato 16.709 dipendenti (16.365 al 31 dicembre 2018).
La società capogruppo Cir ha chiuso il primo semestre 2019 con un utile netto di 16,6 milioni a fronte dei 18,2 milioni del primo semestre 2018.
Prevedibile evoluzione della gestione: per quanto riguarda Kos, Cir prevede la prosecuzione della crescita dei ricavi in linea con la strategia di sviluppo: mentre per Sogefi e Gedi, l’andamento nella parte restante dell’anno dipenderà dall’evoluzione del mercato automotive e di quello editoriale in Italia, entrambi caratterizzati, allo stato, da andamenti non favorevoli e da un quadro di sostanziale incertezza delle previsioni.
Infine, è stato ricordato che le assemblee degli azionisti di Cir e Cofide, in sede straordinaria, hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Cir nella controllante Cofide, i cui effetti civilistici e fiscali partiranno dall’inizio di gennaio 2020.

Nessun commento: