Taverna: come Fondazione di Alessandria contrasta la povertà educativa minorile

Pier Angelo Taverna, presidente Fondazione Cr Alessandria
“Un passo avanti” è il quarto bando contro la povertà educativa presentato dal presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, Pier Angelo Taverna, a Palatium Vetus, sede dell’Ente. Il bando è promosso dall’impresa sociale “Con i bambini”, costituita nel 2016, con l’obiettivo di attuare i programmi del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile, istituito dall’Acri, l’associazione delle Fondazioni di origine bancaria, con il compito di assicurarne la gestione, e viene alimentato dai versamenti effettuati annualmente dalle Fondazioni di origine bancaria, tra le quali la Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che ha stanziato 480.000 euro l’anno, per tre anni.
“Un passo avanti”. Idee innovative per il contrasto alla povertà educativa minorile rappresenta una nuova linea di intervento, pensata per il sostegno di progetti dal contenuto particolarmente innovativo che, coerentemente con l’obiettivo del Fondo, siano rivolti al contrasto della povertà educativa minorile che investe anche la dimensione emotiva, della socialità e della capacità dei giovani di relazionarsi con il mondo, creando le condizioni per lo sfruttamento precoce nel mercato del lavoro, per l’abbandono e la dispersione scolastica, per fenomeni di bullismo e di violenza nelle relazioni tra pari.


“Contrastare la povertà educativa – ha detto il presidente Taverna - è il principale strumento per permettere ai tanti ragazzi che vivono in condizioni di disagio di migliorare la propria vita. Per fare questo è necessario avviare un percorso comune tra le agenzie educative preposte come la scuola, la famiglia, le organizzazioni del Terzo settore e il privato sociale. Solo attraverso questa strada si può creare una “comunità educante” attiva – intesa come l’insieme di varie “attori” che, a partire dal ruolo centrale della scuola e dei servizi alla prima infanzia, unitamente a quelli di educativa territoriale e di sostegno, accompagnamento e cura dei servizi sociali e sanitari, concorrono a formare i minori – in grado di generare un reale cambiamento”.
I primi tre bandi presentati hanno riscosso grande interesse e partecipazione a livello nazionale: Prima Infanzia (0-6 anni) con 80 progetti approvati, Adolescenza (11-14 anni) con 86 bandi, Nuove Generazioni (5-14 anni) con 83 bandi, complessivamente 249 progetti con un contribuito pari a 202 milioni di euro, su 360 previsti dal Fondo, che coinvolgeranno 480.000 minori e 6.300 organizzazioni, in media 25 per progetto e 27.500 le organizzazioni che hanno partecipato ai tre bandi.
A livello locale, sono stati presentati vari progetti con una ricaduta di circa due milioni di euro, approvati e finanziati anche grazie al significativo contributo destinato all’iniziativa dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che esprime grande soddisfazione per la professionalità e l’originalità dei progetti presentati che sono stati premiati.
Per poter accedere ai contributi del nuovo Bando, occorre presentare all’Impresa sociale (attraverso il modello predisposto on line sulla piattaforma Chàiros) una sintetica idea del progetto che si intende realizzare, in una o più regioni italiane. “Con i Bambini” ha destinato al Bando fino a un massimo di 70 milioni di euro: le proposte dovranno arrivare entro, e non oltre, le ore 13 del 14 dicembre 2018.

Nessun commento: