Blue chip: sono di Fca e di Intesa Sanpaolo i ribassi top dell'ultimo giorno di ottobre


Daniela Santanchè, presidente
Visibilia Editore
Del terzetto di società appartenenti al paniere Ftse Mib che oggi, 31 ottobre, hanno subito i maggiori ribassi alla Borsa di Milano due fanno riferimento al Piemonte: sono Fca Fiat Chrysler Automobiles e Intesa Sanpaolo. L'azione del gruppo autoveicolistico guidato da Mike Manley è ancora scesa a 13,45 euro, perdendo il 2,2%, che si è aggiunto al calo del 3,22% di ieri; mentre l'ultimo prezzo del titolo del gruppo bancario-finanziario pilotato da Carlo Messina è stato di 1,953 euro, inferiore dell'1,96% al precedente.
Al contrario, la blue chip piemontese che ha avuto il maggiore rialzo odierno è stata Buzzi Unicem, salita sul podio nazionale del Ftse Mib grazie all'incremento del 2,88% del prezzo della sua azione ordinaria, risalita così a 16,975 euro.
Per quanto riguarda, invece, tutto il listino di Piazza Affari, la seduta di oggi ha attribuito la medaglia d'argento dei rialzi alla Visibila Editore di Daniela Garnero Santanchè, la cui azione azione ha chiuso con l'incremento del 17,89% a 0,058 euro.
Le altre piemontesi che hanno avuto aumenti percentuali di prezzo superiori a quello dell'indice Ftse Mib (+0,27%), sono: Basicnet (+1,29), Cairo Communication (+1,08), Centrale del Latte d'Italia (+1,86), Cir (+0,32), Cnh Industrial (+2,13), Diasorin (+1,95), Exor (+0,40), Ferrari (+1,97), Gedi Gruppo Editoriale (+1,56), Italia Independent (+1,43), Juventus (+0,75), Pininfarina (+0,71), Prima Industrie (+0,93), Rcs Mediagroup (+0,45), Sias (+0,56), Tecnoinvestimenti (+0,95).
I maggiori ribassi sono stati quelli di Guala Closures (-4,66%) finita a 7,36 euro, nuovo record negativo dalla sua quotazione; Bim (-2,71) e Iren (-2,35%).

Nessun commento: