Nuova acquisizione di Buffetti-Dylog Italia Ocleppo sale al 100% delle Cartiere Pigna

Rinaldo Ocleppo, presidente Buffetti e Dylog
Nuova conquista piemontese. Il Gruppo Buffetti, che fa capo alla torinese Dylog Italia di Rinaldo Ocleppo, ha concluso l’acquisizione del 100% delle Cartiere Pigna, punto di arrivo di un’importante operazione di rilancio di Pigna, iniziata nel maggio 2018 con l’ingresso di Buffetti nella compagine azionaria di Cartiere Paolo Pigna, grazie all’accordo d’investimento con Idea Corporate Credit Recovery I, fondo gestito da Dea Capital Alternative Funds (gruppo De Agostini) e Giorgio Jannone.
L’incontro tra l’azienda Cartiere Paolo Pigna, il fondo Idea Corporate Credit Recovery e il Gruppo Buffetti ha rappresentato un perfetto esempio di collaborazione e di sinergia: da un lato un marchio ricco di storia e di prodotti di eccellenza, dall’altro la capacità finanziaria del Fondo e infine la forza commerciale e distributiva di Buffetti.
Il fondo Idea Corporate Credit Recovery ha, fin dall’inizio, creduto nel valore e nell’immagine del marchio e nei prodotti di Pigna, sposando il progetto dell’azionista di riferimento Giorgio Jannone e supportando la società nel processo di concordato e nella rivisitazione del piano industriale, evitando così che la crisi dell’azienda diventasse una crisi sociale per il territorio.
L’ingresso del Gruppo Buffetti, nel 2018, dapprima la quota del 40% e poi con l’acquisizione del 100% di Cartiere Paolo Pigna, ha completato il progetto di rilancio della società guidata da Massimo Fagioli, presidente e amministratore delegato.
Grazie al sostegno e all’allineamento degli interessi di tutti i soci, il risanamento dell’azienda è avvenuto in tempi molto brevi e l’azienda è uscita dal concordato con due anni di anticipo. In questi ultimi due anni, Pigna ha lavorato per ampliare la gamma dei prodotti, aprendosi a nuove linee come gli zaini, gli astucci, lo stationery di alta gamma. Ha rilanciato alcune capsule collection rieditando quaderni del 1951, come il Bella Copia o del 1948 come il Nero Oriente, tratti dall’archivio storico di Pigna, aperto quest'anno per la prima volta, in occasione dei 180 anni del marchio.
Rinaldo Ocleppo, presidente della Gruppo Buffetti e di Dylog Italia, esprime la propria soddisfazione: “L’acquisizione di Pigna avviene nell’ambito di un progetto strategico per conquistare un ruolo di primo piano anche nel mercato della scuola”.
Buffetti è la più grande azienda italiana di riferimento per il mondo del lavoro, oltre che della scuola e del regalo, grazie a un catalogo molto ampio e qualificato di soluzioni tradizionali e innovative. Particolarmente nota per la modulistica professionale, oggi Buffetti è molto conosciuta e apprezzata per i software gestionali, per i tanti servizi esclusivi e per una vastissima offerta di prodotti distribuiti con marchi di proprietà. Questa vasta gamma di proposte per professionisti, imprese, artigiani, commercianti e studenti è offerta attraverso una delle più grandi reti in franchising, che conta 800 punti vendita, distribuiti uniformemente su tutto il territorio nazionale.
Buffetti, che ha sede a Roma, è stata acquisita dalla torinese Dylog Italia già nel 2005, nel rispetto di una strategia che continua a far crescere il gruppo. Dylog l'ha rilevata da Telecom Italia. La prima significativa acquisizione di Dylog Italia, fondata nel 1980, è avvenuta nel 1992, con Alpisoft. Negli anni a seguire sono entrate a far parte società come Cds, Prassi, Omega Data, Dagep, Komec, Seasoft, Verona Software, Octopus, Prisma Informatica, Multidata, Octorate. L'ultima acquisizione del 2019, prima della Pigna, è stata quella di Intesi Group, tech company che offre servizi consulenziali, prodotti ad elevato contenuto tecnologico e soluzioni avanzate in cloud.
Oggi Dylog è a capo di un gruppo di aziende che generano un fatturato di oltre 150 milioni di euro e in cui trovano impiego circa 890 addetti, a conferma di un trend in costante crescita. Il parco consolidato software supera i 70 mila clienti in tutta Europa, serviti da un team di 850 specialisti. Dylog Italia, che ha come nuovo direttore generale Emilio Baselice, è uno dei principali player del mercato italiano dell’Information Technology negli ambiti: software gestionale per aziende e professionisti, controllo qualità a raggi X, elaborazione digitale dell’immagine, rilevazione presenze e controllo accessi.
Rinaldo Ocleppo, nato nel 1955 a Canale (Cuneo), è un imprenditore molto attivo e impegnato in diversi campi, compreso quello finanziario. Fra l'altro, ha numerosi incarichi in organizzazioni rappresentative ed è socio del prestigioso ed esclusivo Circolo Subalpino.

Nessun commento: