Due premi internazionali al Politecnico per soluzioni di navigazione satellitare


Soo due i team del Politecnico di Torino che si sono aggiudicati due premi del concorso internazionale Galileo Masters: l’Italy Challenge e l’University Challenge. Si tratta di una competizione che promuove l'innovazione e il trasferimento tecnologico nel campo della navigazione satellitare e delle sue applicazioni. Un’iniziativa che nasce dalla volontà della Commissione europea di promuovere il settore dei sistemi di navigazione satellitare, Global Navigation Satellite Systems (Gnss), con particolare attenzione al sistema Galileo e alle sue applicazioni, come una delle opportunità tecnologiche e commerciali più rilevanti per l'Europa.
I premi sono stati assegnati da alcune delle istituzioni più rilevanti nel settore del Gnss, quali la European Gnss Agency (Gsa), la European Space Agency (Esa), il German Aerospace Center (Dlr) e da oltre 20 regioni europee.
A vincere l'Italy Challenge, gestita dall'Agenzia Spaziale Italiana e cofinanziata dalla Dg Grow della Commissione europea, è stata l’idea progettuale per smartphone Android proposta dal team studentesco dell’Ateneo torinese composto da Giampaolo Marinaro, recentemente laureato dall'Ict for Smart Societies, Alex Minetto e Neil Gogoi, dottorandi in navigazione satellitare al Dipartimento di Elettronica e telecomunicazioni e membri del gruppo Navsas.
Grazie alla vittoria, l'Agenzia Spaziale Italiana supporterà il team vincitore fornendo coaching sull'innovazione e promuovendo l'idea agli stakeholder, a livello italiano ed europeo. Inoltre, il progetto è stato classificato tra i migliori 10 vincitori dei premi regionali e speciali in competizione per il premio generale Galileo Master a livello europeo.
Altro importante risultato per il Politecnico di Torino, durante i Galileo Masters, è stato il secondo posto conquistato all’University Challenge dal team formato da quattro studenti che ha proposto I Search for Water. L'idea è stata sviluppata come follow-up del lavoro svolto in una challenge precedentemente effettuata presso Clik- Contamination Lab & Innovation Kitchen del Politecnico e proposta dal Centro interdipartimentale per la robotica di servizio – Pic4Ser, che si occupa delle applicazioni nell'ambito dell'agricoltura di precisione.
La soluzione tecnologica proposta si caratterizza per essere economica e di piccole dimensioni e adatta a piccoli droni. Grazie alle sue caratteristiche uniche, sarà uno degli strumenti intelligenti per l'agricoltura del futuro.

Nessun commento: