Housing sociale, due fondazioni torinesi nel comitato per la rigenerazione urbana

Sein Europa il settore dell'housing sociale è molto vivace da tutti i punti di vista - modelli abitativi, soluzioni economico-finanziarie, processi realizzativi, formule gestionali - in Italia sono stati realizzati interventi significativi, capaci di indicare una strada. Sulla base di queste considerazioni, per la prima volta, l’intero sistema dell’housing sociale italiano si è presentato unito a Bruxelles, all'inizio di ottobre.
La Compagnia di San Paolo fa parte del comitato nazionale per l’housing sociale, che si è costituito insieme a Federcasa, Alleanza delle Cooperative Italiane di Abitazione, Fondazione Housing Sociale e Fondazione Sviluppo e Crescita Crt, ente strumentale dell'omonima fondazione torinese di via XX Settembre presieduta da Giovanni Quaglia. 
Il comitato ha come obiettivo quello di definire una capacità progettuale comune e condivisa, da adottare nello sviluppo di progetti di partenariato pubblico-privato e quello di rendere disponibile il know-how acquisito da ognuno dei componenti, per poter suggerire politiche abitative di lungo termine.
Il comitato si propone come un soggetto aggregatore, indipendente ma altamente rappresentativo, capace di raccogliere le istanze condivise tra i componenti del gruppo per rafforzarle e farle diventare la base per una politica abitativa e di rigenerazione urbana.
In attesa di un piano di politiche abitative a lungo termine il comitato sta individuando obiettivi e processi comuni, costruendo partnership pubblico-privato e definendo strategie finanziarie coerenti con gli obiettivi dei potenziali attori coinvolti.
Il comitato si propone anche di promuovere la realizzazione di progetti pilota capaci di esprimere i contenuti e i propositi elaborati

Nessun commento: