Banche: soltanto 390 in tutto il Piemonte gli "affidati" per più di 25 milioni di euro

Si è ridotto a 390, in tutto il Piemonte, il numero dei clienti ai quali le banche hanno concesso la possibilità di ottenere in prestito oltre 25 milioni di euro. Il dato emerge dalla rilevazione della Banca d'Italia e conferma la contrazione della grande impresa in Piemonte, che, infatti, ora conta meno del 7% dei 5.594 grandi affidati (clienti con diritto di credito fino al limite concordato), in tutta l'Italia.
Comunque, al 30 giugno scorso, le banche attive in Piemonte hanno contato, complessivamente, 250.173 affidati, pari al 7,56% dei 3.310.716 dell'intero Paese.
Fra l'altro, dall'analisi dei dati della Banca d'Italia emerge che i clienti detentori di un unico fido costituiscono quasi l'88% degli affidati in Piemonte, dove la somma dei prestiti concessi dagli istituti di credito ammonta, a fine giugno, a 107,297 miliardi, dei quali 41,221 alle famiglie consumatrici.
In regione, i titolari di un unico affidamento al 30 giugno sono 219.049 (valore accordato per complessivi 24,423 miliardi di euro), mentre sono 19.458 i clienti bancari con due affidamenti (9,667 miliardi il totale accordato), 8.472 con tre o quattro affidamenti (12,818 miliardi) e 3.194 con più di quattro affidamenti (per la somma di 44,984 miliardi).
Dalla disaggregazione dei dati, inoltre, emerge che, sempre al 30 giugno, in Piemonte sono 93.389 gli affidati per importi da 30.000 a 75.000 euro, 55.739 per importi da 75.000 a 125.000 euro, 47.712 per importi da 125.000 a 250.000 euro, 18.844 per importi da 250.000 a 500.000 euro, 8.267 per importi da 500.000 a un milione, 5.539 per importi da un milione a 2,5 milioni, 2.108 per importi da 2,5 a 5 milioni, 1.760 per importi da 5 a 25 milioni e, appunto, 390 per somme superiori ai 25 milioni di euro.

Nessun commento: