Alle Ogr le mostre di Bonvicini e Restiffe più il festival Club To Club con Herndon

Monica Bonvicini 
Dal 31 ottobre, per la settimana dell’arte torinese, le Ogr torneranno a essere uno dei punti di riferimento della città. Grazie a due nuove grandi mostre personali e al rinnovo delle collaborazioni con Artissima e Club To Club, avviate gli anni precedenti.
Il Binario 1 ospiterà, fino al 9 febbraio 2020, As Walls Keep Shifting, la mostra personale di Monica Bonvicini, curata da Nicola Ricciardi con Samuele Piazza.
La mostra si sviluppa a partire da temi cari all’artista: il confronto con l’architettura, la letteratura e la costruzione dell’identità sessuale e di genere. Le sue installazioni riflettono, in maniera critica, sulla storia, sull’architettura e la sua memoria, i regolamenti e le abitudini imposte.
Punto di partenza della mostra è Italian Homes (2019), la serie fotografica che ritrae case bifamiliari costruite tra gli anni ’60 e 70 e modificate nel tempo, talvolta in maniera bizzarra, dai loro proprietari. La varietà che ne risulta, contrasta con l’idea di base del progetto sociale di queste architetture, concepite per fornire pari condizioni abitative a gruppi sociali omogenei. Mettendo in contrasto dinamiche di individualizzazione e standardizzazione, il lavoro delinea un paesaggio dello sviluppo socioeconomico dell’Italia degli ultimi 50 anni.
Metà di una di queste abitazioni è stata costruita all’interno dello spazio espositivo. La scultura, accessibile al pubblico, lo coinvolge in maniera fisica e diretta, indagando la creazione di luoghi individuali, intesi come base per l’istituzione di uno spazio privato con le conseguenti problematiche di isolamento, dinamiche di esclusione e aumento di sentimenti reazionari.
Il Binario 2, invece, ospiterà, fino al 5 gennaio 2020, History as landscape, la prima personale in Italia del fotografo brasiliano Mauro Restiffe, curata da Nicola Ricciardi con Giulia Guidi. L’architettura, in particolare quella relativa al periodo modernista, è da sempre fonte di ispirazione per il fotografo. Nel corso della sua carriera, l’artista ha viaggiato e fotografato le opere di noti architetti in tutto il mondo. Nelle sue foto, Restiffe rivela combinazioni inaspettate tra architettura e paesaggio, tra interni ed esterni, focalizzandosi su dettagli inosservati e tracce di presenza umana: l’architettura funge da palcoscenico per la storia, sia essa pubblica o privata. Le immagini di Restiffe, intrise di valore storico, raccontano intime prospettive sulla storia di un Paese,
Per la sua personale alle Ogr di Torino, Restiffe fotografa l’Italia con lo stesso approccio, raccontando alcuni tra i progetti di Carlo Mollino, Piero Portaluppi, Franco Albini e Carlo Scarpa.
In continuità con l’indagine sul suono iniziata lo scorso anno con la sezione Sound, la fiera d’arte di Torino inaugurerà Artissima Telephone, un progetto espositivo pensato per il Duomo delle Ogr e nato dalla collaborazione tra le due istituzioni torinesi. Ideata da Ilaria Bonacossa e curata da Vittoria Martini, la mostra offrirà una ricognizione sul telefono come mezzo espressivo, attraverso una selezione di lavori di artisti delle gallerie partecipanti alla fiera: opere “telefoniche” o presentate al telefono, che usano il suono per evocare l’intimità del dialogo a due, caratteristica di questo medium.
Infine, il 31 ottobre, la Sala Fucine ospiterà nuovamente il festival Club To Club, il più importante appuntamento italiano con la musica avant-pop, giunto alla diciannovesima edizione. Red Bull per il settimo anno consecutivo conferma la partnership con Club To Club e propone uno dei nomi più interessanti e innovativi del momento: Holly Herndon, che arriva per la prima volta in Italia, presentando Proto, l’album nato dalla collaborazione tra la musicista americana e l’intelligenza artificiale.
Holly Herndon opera ai confini fra evoluzione tecnologica ed euforia musicale. Per il suo terzo album "Proto", che presenterà in anteprima ed esclusiva italiana, ha unito un ensemble contemporaneo di voci, sviluppatori, collaboratori e un'intelligenza artificiale battezzata “Spawn”.
Tutte le informazioni e i dettagli sul sito ogrtorino.it

Nessun commento: