Tassa sui rifiuti, record negativo di Torino ma è l'astigiano medio a pagare di più

La tassa sui rifiuti (Tari) è una delle più odiate, certo per la sua entità (9,5 miliardi l'anno scorso, 4,1 miliardi in più rispetto al 2010), ma anche perché molti che la pagano continuano a vedere che la loro città resta sporca. “In Piemonte, nel 2018, la Tari è costata mediamente 216,93 euro a persona, pochi centesimi più che nel 2017, mentre la media italiana pro-capite è stata di 223,96 euro (+2,2%). Comunque, il Piemonte resta la settima regione con la Tari più alta, come media per persona”.
Lo ha riportato L'Economia del Nord Ovest, il supplemento del lunedì del Corriere Torino aggiungendo che il Piemonte è la regione che ha la Tari più “impropria” in Italia, dato che presenta uno scostamento di quasi il 36% rispetto al fabbisogno standard. In altre parole, quasi il 36% della cifra che si paga è dovuto alle inefficienze del servizio della gestione dei rifiuti e a costi che hanno motivazioni diverse.
Il record nazionale dello scostamento della Tari piemontese rispetto al fabbisogno standard si deve soprattutto alla città di Torino, il cui fabbisogno standard è stato valutato in poco meno di 142 milioni di euro, a fronte del versamento di 205,392 milioni e dello scostamento di 63,397 milioni (45%)” ha evidenziato il settimanale economico del Corriere Torino, precisando che in tutta la provincia la Tari è stata pari a 345,895 milioni.
Nel 2018, i contribuenti piemontesi, complessivamente, hanno sborsato 542,221 milioni di euro per pagare la Tari. Gli astigiani hanno pagato, mediamente, 239,9 euro pro capite, i torinesi 232,7, gli alessandrini 194,6, gli abitanti del Verbano-Cusio-Ossola 182,5, i biellesi 179,9, i vercellesi 168,6, i novaresi 163,2 e i cuneesi 162,3 euro.
Una consolazione, però, è rappresentata dalla constatazione che il Piemonte è una delle cinque regioni che si sono collocate sopra il livello di sufficienza per i servizi offerti dalle amministrazioni locali. Al Piemonte, infatti, è stato attribuito il punteggio di 7,8 (scala da 0 a 10), il più alto, superiore perciò anche al 7,4 della Lombardia e al 7,2 del Veneto e dell'Emilia-Romagna. La media piemontese, tuttavia, è dat di 9 di Asti, Cuneo, Novara e Verbania al 5 di Torino.

Nessun commento: