A Torino riprende quota il mercato dei box

“E' vero che nelle grandi città si stanno diffondendo sempre più car sharing, bici a noleggio e monopattini elettrici; però, complice il ribasso dei prezzi, gli acquisti di box e posti auto stanno riprendendo quota”. Lo ha pubblicato L'Economia del Nord Ovest, supplemento economico del lunedì del Corriere Torino, precisando che a Torino, nel secondo trimestre di quest'anno, sono state 1.463 le compravendite di box e posti auto, il 10,1% in più rispetto allo stesso periodo del 2018.
E che si possa considerare una tendenza lo fa ritenere la constatazione che l'identico tasso di incremento si è avuto nel primo trimestre, quando i relativi passaggi di proprietà sono stati 1.195.
La ripresa del mercato dei posti auto e box, nella prima parte del 2019, è un fenomeno nazionale: la media degli aumenti delle compravendite nelle otto metropoli italiane è stata del 12,9% nel gennaio-marzo e del 9,6% nell'aprile-giugno.
Diversamente, Torino ha fatto registrare, dall'inizio di aprile alla fine di giugno, nuovamente un calo dei passaggi di proprietà delle abitazioni: ne sono stati censiti 3.698, l'1,1% in meno rispetto al corrispondente periodo dell'anno scorso. Fra l'altro, il nuovo calo è emerso dopo che il primo trimestre aveva evidenziato, invece, un aumento del 2% (3.156 le compravendite).
L'Osservatorio del mercato immobiliare dell'Agenzia delle Entrate mostra che, a Torino, la fascia di mercato maggiore è quella degli alloggi con superficie tra 50 e 85 metri quadrati passati di mano (1.740 compravendite nel secondo trimestre), seguita da quella tra gli 85 e i 115 metri (852 passaggi di proprietà). La fetta più piccola (249 scambi) è quella delle abitazioni di oltre 145 metri, che, fra l'altro, ha evidenziato il calo più forte (-14,7%).

Nessun commento: