Ferrero compra anche i biscotti Kelsen

Giovanni Ferraro, presidente del gruppo dolciario
Ferrero, il colosso dolciario di Alba, si mangia anche i famosi biscotti Kelsen. Tramite una sua controllata belga, la Ferrero ha firmato un accordo con Campbell per rilevare la danese Kelsen, proprietaria anche dei marchi Kjeldsens e Royal Dansk.
A molti, certamente, Kelsen rievoca i ben noti biscotti al burro, contenuti in quelle originali scatole rotonde e di metallo che si trovano in tante case e che vi restano, anche dopo che sono state svuotate delle loro delizie, per contenere magari magari il classico necessaire da cucito piuttosto che altri oggetti domestici, fotografie, documenti.
Kelsen ha sede in Danimarca, a Nørre Snede e dispone di 400 dipendenti. Tramite i suoi marchi, negli ultimi mesi ha venduto prodotti per 157 milioni di dollari. Nella transazione sono inclusi i due siti produttivi di Nørre Snede e Ribe.
L’operazione è stata annunciata dalla Cambpell, società americana diventata iconica grazie alle opere di Andy Warhol e ben nota per le sue zuppe in scatola. La Campbell, al cui gruppo appartiene Kelsem ma anche Arnott's, che produce biscotti e snack, userà i proventi della cessione alla Ferrero per ridurre il suo indebitamento. Il closing con il gruppo presieduto da Giovanni Ferrero è previsto nel primo trimestre del 2020.
La collegata del gruppo Ferrero , con questa acquisizione incrementa la sua rilevanza nel mercato premium dei biscotti assortiti” hanno spiegato dalla sede di Alba, precisando che “la transazione è soggetta alle consuete condizioni di chiusura e approvazioni che dovrebbero concludersi nell’arco dei prossimi due mesi”.

Nessun commento: