Nuovo allestimento del Museo di Antichità

I Musei Reali di Torino bandiscono una gara per la progettazione del nuovo allestimento del piano terreno della Manica Nuova di Palazzo Reale destinato a ospitare le opere delle collezioni del Museo di Antichità, in particolare quelle assire, cipriote, etrusche, greche e romane.
I fabbricati dove oggi sono conservate queste opere, anticamente concepiti come serre per le piante dei giardini e collocati lungo Corso Regina Margherita, sono in questi mesi al centro di un attento progetto di restauro architettonico, tutt’ora in corso di completamento, che restituirà la spazialità originaria dei grandi edifici vetrati dotandoli, al contempo, di standard conservativi e impiantistici all’avanguardia.
A conclusione dei lavori, in quest’area saranno ospitati i servizi comuni del complesso museale torinese, quali un padiglione per le mostre temporanee, un auditorium, una caffetteria, un museum shop, aule per la didattica e per uffici, che potranno anche godere del secondo accesso su Corso Regina Margherita.
Il passo preliminare di questa operazione consiste nel trasferire la sezione espositiva delle Antichità al piano terreno della Manica Nuova, che già ospita la Galleria Sabauda. In questo modo, si renderanno più accessibili le ricche collezioni di arte antica del Mediterraneo e del Vicino Oriente, raccolte a partire dal Cinquecento e arricchitesi nel corso di quattrocento anni.
Questo trasferimento presuppone alcune opere di manutenzione straordinaria e un idoneo progetto di allestimento museale, con tempi di realizzazione medio-lunghi.
I costi di realizzazione previsti sono i seguenti: 65.000 euro per le prestazioni professionali, 60.000 per piccole opere di manutenzione straordinaria, 510.000 per lavori di riallestimento.
L’inaugurazione del nuovo allestimento delle collezioni del Museo di Antichità è previsto per il 2020.

Nessun commento: