Le famiglie piemontesi spendono meno

“Nonostante tutti gli inviti a consumare di più, fatti da chi ritiene che sia questa la strada maestra per rilanciare l'economia (dimenticando o ignorando o sottovalutando che, in realtà, la soluzione consiste nell'aumento degli investimenti), l'anno scorso, in Piemonte, le famiglie hanno contenuto la loro spesa, anzi, l'hanno ridotta, sia pure di poco, rispetto al 2017”.
La notizia è stata pubblicata da L'Economia del Nord Ovest, supplemento edito ogni lunedì dal Corriere Torino.
L'edizione regionale del Corriere della Sera, guidata da Umberto La Rocca, citando l'Istat, l'istituto nazionale di statistica, ha precisato che in Piemonte, la spesa media delle famiglie è stata di 2.643,78 euro al mese nel 2018, mentre era stata di 2.648,99 euro l'anno precedente. E questo mentre, a livello nazionale, è aumentata da 2.563,94 a 2.571,24 euro.
Ancora più significativo, però, diventa il confronto con altre aree. Infatti, la spesa media mensile delle famiglie in Piemonte è risultata inferiore a quelle dell'intero Nord Ovest (2.865,61 euro), del Nord Est (2.782,72) e del Centro Italia (2.723,01), oltre che di sette regioni.
In Lombardia, nel 2018, la spesa media mensile delle famiglie è stata di 3.020,11 e di poco meno in Valle d'Aosta /3.017,91). E vicino ai 3.000 euro è stata quella del Trentino-Alto Adige (2.945,26). Inoltre, più alta che in Piemonte è stata la spesa familiare anche in Toscana, Emilia-Romagna, Lazio e Veneto.
Considerando l'inflazione, la spesa media mensile delle famiglie a livello nazionale è diminuita dello 0,9% rispetto all'anno scorso e, fra l'altro, resta ben lontana, in termini reali, a quella del 2011, quando era di 2.640 euro. A ulteriore conferma del permanere delle difficoltà e della mancata ripresa economica. Situazione che diventa ancora più significativa tenendo conto dell'accresciuta pressione fiscale.

Nessun commento: