Fondi comuni, in maggio raccolta in rosso Eurizon e Fideuram perdono 479 milioni

Dopo la gelata di aprile, è arrivata anche quella di maggio. Anche il mese scorso, infatti, i fondi comuni e le gestioni di portafoglio hanno fatto registrare un valore totale di riscatti superiore a quello delle nuove sottoscrizioni, per la precisione di 5,542 miliardi. Il risultato negativo della raccolta si è aggiunto ai 4,250 miliardi di aprile. Così, il patrimonio gestito dagli operatori al 31 maggio è sceso a 2.090, 862 miliardi, mentre era pari a 2.112 miliardi alla fine del mese precedente.
Come già in aprile, anche a maggio hanno avuto una raccolta negativa per tutti i principali gestori, a partire dai gruppi Generali (-1,047 miliardi), Intesa Sanpaolo (-479,1 milioni), Amundi (-716,2 milioni), Anima Holding (-504,5 milioni) e Poste Italiane (-867,4 milioni).
Fra i pochi gestori in controtendenza si è confermata la biellese Sella, la cui raccolta netta è stata positiva per 25,4 milioni, come lo era stata in aprile per 14,1 milioni; mentre gli altri due operatori piemontesi hanno chiuso in rosso anche il mese appena passato: il gruppo Ersel per 24,6 milioni (-57,3 milioni in aprile) e il gruppo Banca Intermobiliare per 57,2 milioni (-61,7 milioni il mese prima).
La disaggregazione dei dati di Assogestioni, l'associazione nazionale degli operatori, mostra che la perdita del gruppo Intesa Sanpaolo è stata determinata da entrambe le sue controllate: in particolare, Eurizon ha avuto una raccolta negativa di 467,8 milioni (-726,3 milioni in aprile) e la torinese Fideuram per 11,3 milioni. Invece, in aprile Eurizon aveva mostrato una raccolta netta positiva per 120,3 milioni.
Comunque, il gruppo Intesa Sanpaolo si è confermato al secondo posto nella graduatoria nazionale con un patrimonio gestito di 391,076 miliardi al 30 aprile (18,7% del mercato italiano), inferiore unicamente ai 491,667 miliardi del gruppo Generali, presieduto dal piemontese Gabriele Galateri di Genola (quota del 23,5%).
Sella è rimasto trentatreesimo con il patrimonio gestito di 7,326 miliardi, precedendo di un posto il gruppo Ersel, il cui patrimonio gestito è sceso a 6.935 miliardi. Quarantesimo, infine, è risultato il gruppo Banca Intermobiliare con 1,595 miliardi.

Nessun commento: