Aeroporto Caselle, nuova perdita di quota in maggio 313.000 passeggeri (-6,8%)

Andrea Andorno, ad della Sagat
Nuova perdita di quota, in maggio, per l'aeroporto “Sandro Pertini” di Torino-Caselle. Il mese scorso, infatti, lo scalo torinese ha registrato 3.605 voli (-4,3% rispetto a maggio 2018) per complessivi 313.028 passeggeri (-6,8%). Diminuiti anche i volumi delle merci imbarcate o sbarcate, pari a 316,1 tonnellate (-17,7%).
I risultati del “Sandro Pertini” sono stati in controtendenza, perché a livello nazionale i movimenti (partenze e arrivi degli aerei) sono aumentati del 2,9% e del 3,8% i passeggeri, ammontati a 17,096 milioni. Sono invece calate del 4,2% le merci trasportate con i cargo.
Questi dati sono di Assaeroporti, l'associazione nazionale che rappresenta le 33 società che gestiscono i 42 scali aperti in Italia.
Per Torino-Caselle il calo di maggio segue quello di aprile, quando il numero di voli è diminuito dell'11,7% e del 7,9% il numero dei passeggeri. Un'inversione di rotta dopo i risultati positivi del primo trimestre, quando sono state 1.051.780 le persone che hanno utilizzato il “Sandro Pertini” (+3,8% rispetto al corrispondente periodo 2018) e 11.889 gli aerei partiti o atterrati (+3,5%).
Nel 2018, l'aeroporto di Torino-Caselle è risultato al quattordicesimo posto nella classifica italiana per numero di passeggeri (oltre quattro milioni, su 45.511 voli).
Il “Sandro Pertini” è gestito dalla Sagat, il cui 90,28% del capitale è posseduto da 2i aeroporti (gruppo Cdp-Cassa Depositi e Prestiti) mentre il 6,76% è nel portafoglio di Tecno Holding (Camere di commercio). La società è presieduta ora da Elisabetta Oliveri, ligure come Andrea Andorno, l'amministratore delegato.
Quanto al secondo scalo piemontese, Cuneo-Levaldigi, in maggio ha contato 354 voli (-3,5%) e 6.074 passeggeri (-17,7%).

Nessun commento: