Torino, per l'alternanza scuola-lavoro 400.000 euro della Camera di commercio

Vincenzo Ilotte, presidente Cdc Torino
Un incentivo per incoraggiare le imprese, anche le micro e le piccole, ad aprire le porte per ospitare uno studente in un percorso di alternanza scuola-lavoro: lo offre, anche quest’anno, la Camera di commercio di Torino attraverso uno stanziamento complessivo pari a 400.000 euro. Prevista, in questa edizione del bando, l’erogazione di voucher pari a 600 euro per ogni studente ospitato, fino a un massimo di sei studenti a impresa. In caso di studente diversamente abile è previsto un ulteriore contributo pari a 200 euro.
Crediamo nell’importanza dell’alternanza e per questo confermiamo il nostro impegno non solo a parole, ma con fatti concreti” ha spiegato Vincenzo Ilotte, presidente della Camera di commercio di Torino, aggiungendo che “un’esperienza di qualità deve essere l’obiettivo primario per studenti, famiglie e scuole e si può ottenere solo grazie al coinvolgimento diretto e consapevole delle aziende. Grazie al nostro supporto, gli imprenditori sono più motivati a mettersi in gioco, diventando protagonisti della proposta educativa fin dalla prima stesura del percorso”.
Per essere ammessi al rimborso a fondo perduto, i percorsi di alternanza, che oggi si definiscono “percorsi per le competenze trasversali e l’orientamento”, devono corrispondere a una durata minima di 40 ore di presenza dello studente nell’impresa ed essere realizzati fra l’inizio dell’anno scolastico 2018/2019 (10/09/2018) e il 30/09/2019. Qualora l’impresa richiedente risulti iscritta nell’Elenco del Rating di Legalità verrà riconosciuta una ulteriore premialità pari a 100 euro, indipendentemente dal numero di studenti ospitati.
Le imprese con sede legale e/o unità operative nella provincia di Torino, attive e regolarmente iscritte al Registro Imprese camerale, potranno richiedere i voucher a partire da mercoledì 15 maggio. La scadenza è fissata alle ore 12 del 15 ottobre 2019. Info e richieste su: www.to.camcom.it/voucherAlternanzaSL
La Camera di commercio di Torino ha ricordato che nel 2018 sono state 196 le domande di voucher per i percorsi di alternanza scuola–lavoro pervenute dalle imprese dell’area torinese a seguito del bando passato. Il maggior numero di domande è arrivato dai settori dei servizi alle imprese (37%) e manifatturiero (27%); più distanziato risulta il comparto del commercio (14%). Si collocano, invece, in coda alla classifica: l’edilizia (8%), il turismo (7%) e l’agricoltura (6%). Il 21% delle imprese che hanno richiesto i voucher sono artigiane.
Dai 110 del 2017, sono saliti a 1.670 i soggetti torinesi (enti pubblici e privati, imprese e professionisti) iscritti al Registro nazionale dell’alternanza scuolalavoro.registroimprese.it, istituito presso le Camere di commercio, per favorire l’incontro tra studenti, scuole e imprese ospitanti. La Camera di commercio di Torino risulta la prima Camera italiana per numero di soggetti ospitanti iscritti al Registro. L’iscrizione al Registro è necessaria per richiedere i voucher.
Per il 97% dei casi (1.619) si tratta di imprese, per un totale di quasi 5.170 studenti ospitabili. I servizi sono la compagine più rappresentata con il 37% del totale delle aziende, seguiti da industria/artigianato (31%) e dal commercio (23%). Residuale appare la presenza di imprese del settore agricolo (il 5%) e turismo (il 4%). Il 44% dei soggetti ospitanti è localizzato nel comune di Torino.
Infine, lunedì 20 maggio, a Torino Incontra, saranno premiati i vincitori della quinta edizione torinese del Premio Storie di Alternanza (I semestre 2019), riconoscimento promosso da Unioncamere nazionale e dalle singole Camere di commercio italiane, con l’obiettivo di valorizzare e dare visibilità ai video-racconti dei progetti d’alternanza scuola-lavoro.
Ai migliori video sarà assegnato un premio per un ammontare complessivo di 5.000 euro. I vincitori saranno ammessi al concorso nazionale, che prevede ulteriori premi. Tutte le informazioni su www.to.camcom.it/premio-storie-di-alternanza.

Nessun commento: