Profumo presidente Acri all'unanimità

Francesco Profumo, neo presidente dell'Acri
All'unanimità. Così, Francesco Profumo, è stato eletto presidente dell’Acri, l'associazione nazionale di Fondazioni e di Casse di Risparmio, da parte dell'assemblea, che ha eletto anche il nuovo Consiglio per il triennio 2019-2021. E proprio il nuovo Consiglio, con il coinvolgimento delle Consulte territoriali di Fondazioni, individuerà, nella prossima seduta, attesa per la prima metà del mese di giugno, i membri del Comitato esecutivo e i vicepresidenti dell’Associazione.
«Sono molto orgoglioso dell’incarico affidatomi e ringrazio Acri per la fiducia – ha dichiarato Francesco Profumo, presidente della Compagnia di San Paolo”, che ha poi rivolto “un ringraziamento speciale al presidente Giuseppe Guzzetti, che, con la sua guida lungimirante e sapiente, ha diretto l’Associazione in questo percorso di crescita e consolidamento nel corso degli ultimi 20 anni”.
Profumo ha aggiunto: “Sono convinto che quell’architrave, su cui si è poggiato questo percorso virtuoso di sviluppo, sia estremamente solido e di grande visione e possa quindi continuare a sostenere il cammino che ci attende. Guardando al contesto interno al nostro mondo e a quello esterno - rappresentato dall’ambiente istituzionale, sociale ed economico delle nostre comunità, oltre che nazionale - credo che i nostri sforzi futuri debbano orientarsi verso tre fondamentali direttrici: il rapporto con le istituzioni a livello locale e nazionale, il rafforzamento dei presìdi di partecipazione e condivisione interni alla nostra Associazione e la mozione approvata in occasione del XXIV Congresso Nazionale, intitolato Identità e Cambiamento”.
“In essa – ha concluso Profumo - sono stati delineati alcuni precisi impegni, che rappresentano un elemento di continuità e, al tempo stesso, una responsabilità per il nostro sviluppo futuro che ci viene affidata. Sono numerosi gli elementi programmatici che sono emersi, ma oggi mi preme richiamarne gli ambiti all’interno dei quali questi si collocano: il rapporto con il Terzo settore, il rapporto con l’Autorità di vigilanza, le iniziative comuni, il rapporto con le Banche associate”.
Nel nuovo Consiglio dell'Acri, rappresentanti del Nord Ovest sono i presidenti Federico Delfino (Fondazione Agostino De Mari di Savona), Franco Ferraris (Fondazione Cr Biella), Giandomenico Genta (Fondazione Crc di Cuneo) Giovanni Quaglia (Fondazione Crt e Associazione Fondazioni Bancarie Piemontesi) e Mario Sacco (Fondazione Cr Asti). A loro si aggiungerà il futuro presidente della Fondazione Cariplo.
Francesco Profumo, nato nel 1953 a Savona, è presidente della Compagnia di Sanpaolo dal maggio 2016. È stato ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca dal novembre 2011 all’aprile 2013 e presidente del Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR), dall’agosto 2011 al gennaio 2012. Nel 2003 è divenuto preside della Facoltà di Ingegneria del Politecnico di Torino, ateneo in cui è stato nominato Rettore nel 2005, per ricoprire il ruolo fino al 2011.
È professore ordinario di Macchine ed azionamenti elettrici al Politecnico di Torino e professore incaricato all’Università di Bologna. Ha svolto la sua attività in diverse Università nel mondo: Argentina, Cina, Ungheria, Albania, Romania, Lettonia, Usa, Giappone, Repubblica Ceca. Gli è stato conferito il titolo di Dottore di Ricerca Onorario da dieci Università di diversi paesi.
Dal 1978 al 1984, ha lavorato come Ingegnere Progettista, presso il Centro per la Ricerca e Sviluppo della Società Ansaldo a Genova.
È stato membro del consiglio di amministrazione di Telecom, Pirelli, Unicredit Private Banca, Il Sole 24 Ore, Fidia, Reply, Inwit e presidente di Iren.
E' presidente della Fondazione Bruno Kessler, del Campus di Torino dell’Escp e della Safm, consigliere di amministrazione della Fondazione Agnelli, membro del Consiglio scientifico dell’IIT- Istituto italiano di tecnologie, dell’Accademia delle Scienze di Torino e dell’Accademia Europea.
Fra l'altro, è stato insignito del Lion d'Oro a Torino nel 2008, del Premio Valdo Fusi nel 2011 e del Premio Guido Carli nel 2011. È stato chairman del G8 University Summit 2009 in Italia e presidente di Columbus (associazione di 55 università europee e latinoamericane).

Nessun commento: