Pininfarina, ecco i conti della trimestrale nell'ultimo anno 74 dipendenti in più

Il presidente Paolo Pininfarina e l'ad Silvio Angori
“Le previsioni per il 2019 indicano un consolidamento dei risultati economici raggiunti nel 2018, anche se su valori inferiori in termini di valore della produzione e di risultato operativo, mentre si conferma la previsione di riduzione del debito finanziario lordo”. E' con queste parole che si chiude il comunicato emesso oggi, 13 maggio, dalla Pininfarina, il cui consiglio di amministrazione, presieduto da Paolo Pininfarina, ha approvato i conti relativi al primo trimestre di quest'anno.
Il valore della produzione (25,2 milioni) è diminuito dell’11% rispetto allo stesso periodo 2018, principalmente per il minor contributo dei servizi di ingegneria in Italia e dei proventi di licenza del marchio. Anche il margine operativo lordo (1,8 milioni) e il risultato operativo (0,7 milioni) sono entrambi calati, ma rappresentano rispettivamente il 7% e il 3% del valore della produzione. Nell’ambito del Gruppo e rispetto al 2018 le società tedesche hanno migliorato il loro profilo reddituale, mentre sono risultate stabili le attività cinesi e americane e si è ridotto l’apporto delle società italiane.
Il patrimonio netto del Gruppo al 31 marzo 2019, è salito a 62,5 milioni dai 61,1 del 31 dicembre 2018, sostanzialmente l'utile netto di periodo, che è stato di circa 400.000 euro, mentre era stato di 2,1 milioni nel primo trimestre dell'anno scorso.
La posizione finanziaria netta ha cambiato segno ed è diventata negativa per l’effetto indotto dall’adozione del nuovo principio contabile internazionale Ifrs 16 (in vigore dal 1° gennaio 2019) che prevede l’iscrizione di una passività finanziaria pari al valore attualizzato dei contratti di affitto o di leasing in essere (right of use). Con i criteri contabili del 2018 la posizione finanziaria netta al 31 marzo 2019 sarebbe stata positiva di 0,3 milioni di euro circa.
Il personale è passato dalle 622 unità del 31 marzo 2018 alle 696 unità del periodo in esame (+74 unità e +11,9%).
L'attività della Pininfarina è articolata in due settori. Il settore Stile comprende, oltre alle attività di stile auto e non auto in tutte le sue accezioni, i servizi di architettura, i proventi derivanti dalla licenza del marchio Pininfarina, i servizi di aerodinamica e aeroacustica, più i proventi e costi associati alla gestione del patrimonio immobiliare della capogruppo Pininfarina. Il valore della produzione è risultato pari a 15,1 milioni di euro sostanzialmente allineato al dato del 31 marzo 2018. Il risultato operativo di settore è positivo per 0,4 milioni, in diminuzione rispetto ai 2,1 milioni di euro consuntivati nel primo trimestre 2018, principalmente per la riduzione dei volumi e marginalità sulle attività di costruzione di prototipi e show car.
Il settore Ingegneria, che raggruppa le attività di ingegneria in Italia e Germania, mostra un valore della produzione pari a 10,1 milioni di euro, in diminuzione rispetto ai 13,2 milioni di euro del 31 marzo 2018. Il risultato operativo di settore è positivo per 0,3 milioni rispetto al milione del primo trimestre 2018, la riduzione è conseguente al calo del valore della produzione avvenuto in Italia.

Nessun commento: