Piazza Affari, avvio di settimana in rosso rialzi soltanto per sei quotate piemontesi

Che sventola in Borsa, oggi, 13 maggio. Lo stallo sui dazi, l'impennata dello spread, le solite liti interne al Governo, hanno tirato ancora più giù Piazza Affari, con l'indice Ftse Mib a 20.594 punti, l'1,35% in meno rispetto a venerdì' scorso.
La nuova settimana è incominciata in rosso per quasi tutte le quotate considerate piemontesi, alcune delle quali hanno perso oltre il 6%. Dall'Orso inferocito si sono salvate soltanto sei subalpine: Diasorin, la cui azione ha chiuso con un rialzo dello 0,44% rispetto all'ultima seduta della settimana scorsa; Iren (+1,06%), Italgas (+1,05%), Ki Group (+6,3%), Tinetxta (+0,91%) e Visibilia Editore (+2,63), società presieduta da Daniela Santanchè come la torinese Ki Group.
Con lo stesso prezzo di venerdì hanno terminato gli scambi Cdr Advance Capital e M&C; mentre tutte le altre 23 piemontesi hanno subito ribassi.
Fidia ha perso il 6,88%, Pininfarina il 6,67%, Cover 50 il 6,19%, Conafi il 4,10%, Prima Industrie il 3,96%, Borgosesia il 3,81%, Buzzi Unicem il 3,64%, Bim Banca Intermobiliare il 3,48%, Ubi Banca il 3,36%, Guala Closures il 3,15%, Reply il 2%, Intesa Sanpaolo l'1,92%; Cfa l'1,88%, Basicnet l'1,68%, Dea Capital l'1,58%; Sias l'1,39%, Italia Independent l'1,37%, Autogrill l'1,24%, Juventus l'1,10%, Dexor lo 0,75%, Astm lo 0,73%, Centrale del Latte d'Italia lo 0,36% e Cofide lo 0,31%.
L'ultimo prezzo dell'azione Bim Banca Intermobiliare è stato di 0,1525 euro, nuovo minimo storico.

Nessun commento: