Intesa Sanpaolo accompagna a Hong Kong le pmi dell'agroalimentare (c'è la Longo)

Cristina Balbo, direttore Intesa Sanpaolo
per l'area Piemonte, Valle d'Aosta, Liguria
A Hong Kong, all’importante manifestazione fieristica Hofex, evento biennale di riferimento dell’industria Food & Beverage del mercato asiatico, Intesa Sanpaolo ha accompagnato diverse aziende del settore agroalimentare appartenenti alla Rete di impresa Il Buon Gusto Italiano”, che aggrega pmi provenienti da Campania, Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, Sicilia e Veneto. In particolare, per il Piemonte, partecipa il caseificio Longo, con sede a Rivarolo Canavese, che vanta una storia di artigianalità e di eccellenza da oltre 60 anni nella produzione di formaggi, certificata secondo i più rigidi standard a livello mondiale.
La missione di Intesa Sanpaolo rientra tra le attività organizzate dalla Banca a supporto dell’internazionalizzazione delle Pmi italiane.
Cristina Balbo, direttore regionale di Intesa Sanpaolo per Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, spiega: «Il ruolo di una grande banca è quello di sostenere il sistema economico del Paese, proponendo soluzioni che vadano oltre il credito e aiutino le aziende a cogliere le opportunità che il mercato globale può offrire, attraverso la vetrina internazionale che una banca come la nostra può mettere a disposizione”.
E aggiunge: “Siamo convinti che il settore agroalimentare continuerà a essere uno dei motori di crescita del Paese, in grado di trascinare altri settori dell’economia. La missione a Hong Kong concretizza la nostra attenzione verso questo settore, nella consapevolezza che la sfida per la crescita si gioca anche sulla valorizzazione delle eccellenze dei nostri territori, in primis quelle agroalimentari, di cui il Piemonte è particolarmente ricco.»
Con oltre due miliardi di euro erogati nel 2018 a favore dell’agribusiness italiano - pari al 18% dell’intero sistema - e in decisa crescita anche nella prima parte di quest’anno, il Gruppo Intesa Sanpaolo si conferma leader nel supporto finanziario anche per questo segmento industriale, determinante per l’economia italiana.

Nessun commento: