Industria del turismo cresce al rallentatore in Piemonte 334 imprese in più in 5 anni

Turiste a Torino
Come ha ricordato L'Economia del Nord Ovest, inserto pubblicato ogni lunedì dal Corriere Torino, l'industria piemontese del turismo e delle vacanze cresce, ma al rallentatore. Lo dimostra il confronto del numero delle imprese del settore attive in regione al 31 dicembre del 2013 e alla stessa data del 2018: sono passate da 26.613 a 26.947.
Dunque, in cinque anni sono aumentate di 334. L 'aumento è dell'1,25%. E questo mentre la crescita media italiana nello stesso periodo è risultata dell'8,2% (da 376.290 a 406.981).
Le imprese alberghiere, di ristorazione e dei viaggi alla fine dell'anno scorso, in Piemonte, insieme contavano 106.707 dipendenti, dei quali poco meno di 50.000 nella provincia di Torino (1.752.972 in tutta la Penisola).
Disaggregando i dati per provincia, emerge che nell'Alessandrino, alla fine del 2018, si contavano 2.403 imprese attive nel settore turismo (2.382 cinque anni prima), nell'Astigiano 1.278 (1.240), nel Biellese 1.026 (1.022), nel Novarese 2.053 (2.137), a Torino e nel resto della sua provincia 13.957 (13.722), nel Verbano-Cusio-Ossola 1.508 (1.501) e nel Vercellese 1.063 (1.109).
In provincia di Vercelli, i dipendenti delle imprese turistiche al 31 dicembre scorso erano 3.656, nel Verbano-Cusio-Ossola 6.485, a Torino e provincia 49.964, nel Novarese 16.361, nel Cuneese 14.520, nel Biellese 3.555, nell'Astigiano 3.919 e nell'Alessandrino 8.247.

Nessun commento: