Cuneo, oltre 1.500 ragazzi a Sport a Scuola progetto della Fondazione per la salute

Si è conclusa con due giornate di gara, tra le squadre di 15 scuole secondarie di primo grado e altrettante scuole primarie provenienti dalla provincia di Cuneo, la quarta edizione del progetto Sport a Scuola, promosso per l’anno scolastico 2018-19 dalla Fondazione Crc, in collaborazione con il Liceo “Peano-Pellico”, l’Istituto Magistrale “De Amicis” di Cuneo, il Liceo “Vasco-Beccaria-Govone” di Mondovì e con il patrocinio del VI Ambito Territoriale di Cuneo dell’Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte. L'iniziativa è stata realizzata per sostenere la pratica sportiva nelle scuole.
La nuova edizione ha registrato l’ampliamento della partecipazione (sono state coinvolte anche le classi quinte delle scuole primarie) e l’introduzione di nuove discipline sportive: la ginnastica (per le classi quinte della scuola primaria) e l’hockey (per le seconde della scuola secondaria di primo grado). Come nelle precedenti edizioni, le classi prime della secondaria di primo grado hanno praticato l'atletica leggera e le terze la pallapugno.
Oltre 1500 ragazzi, provenienti da 21 plessi (in totale 84 classi delle scuole di Cuneo, Borgo San Dalmazzo, Sanfront, Paesana, Piasco, Venasca, Moretta, Mondovì, Cortemilia, Alba, Santa Vittoria d’Alba, Bossolasco, Murazzano, Cavallermaggiore, Racconigi, Neive e Mango), hanno partecipato alle manifestazioni e ai tornei finali per le quattro discipline proposte.
Quest'anno, il progetto della Fondazione Crc ha dedicato particolare attenzione anche alla prevenzione e alla promozione della salute. Grazie alla collaborazione con l’Azienda Sanitaria Ospedaliera Santa Croce e Carle di Cuneo - Struttura Complessa di Cardiologia, l'Associazione AICR “Lorenzo Greco onlus” di Torino, la Croce Rossa Italiana - Comitato Provinciale di Cuneo e l’Università di Torino - Dipartimento di Scienze Infermieristiche, è stata realizzata l’iniziativa “Sport a Scuola…in salute”, che ha permesso di effettuare 437 esami elettrocardiografici per lo svolgimento dell’attività sportiva non agonistica e di fornire la formazione specifica sulla salute e sui corretti stili di vita a circa 3.500 alunni.
Giandomenico Genta, presidente della Fondazione Crc ha commentato: “Praticare sport, in particolare per i ragazzi che non hanno altre possibilità fuori dall'orario scolastico, rappresenta un’opportunità preziosa per educare all'assunzione di stili di vita sani e stimolare alla partecipazione attiva nelle comunità”.
Genta ha ringraziato, in particolare, gli insegnanti, che, durante l'anno e nei due giorni conclusivi, si sono messi in gioco e hanno sostenuto il progetto, “un'iniziativa che ha messo al centro il tema della prevenzione, sostenendo la realizzazione di esami medici e distribuendo materiale informativo dedicato ai giovani e alle loro famiglie".

Nessun commento: