Borsa: al via lo stacco delle cedole 2019 pole position Fca, Ferrari e Cnh Industrial

Oggi, 23 aprile, per la Borsa, parte ufficialmente la stagione dei dividendi 2019, il periodo preferito dagli azionisti perché é quello in cui le società remunerano i soci rimasti “fedeli” (in totale, le quotate appartenenti al listino Ftse Mib, formato dalle 40 principali società trattate in Piazza Affari, distribuiranno 23 miliardi, il 7% in più dello scorso anno).
Questo, infatti, è il giorno di stacco della cedola, data che sancisce il diritto al dividendo per chi possiede l'azione, di tre controllate della famiglia Agnelli-Elkann-Nasi, cioè Fca, Ferrari e Cnh Industriale, oltre che di Unicredit, Recordati (saldo), Campari e Finecobank, più alcune quotate sul Mid Cap e sull'Aim.
Unicredit, del quale è azionista anche la Fondazione Crt, paga il dividendo (27 centesimi per azione) il 25 aprile, mentre Fca, Cnh Industrial e Ferrari lo pagano il 2 maggio.
In particolare, oggi Fca che stacca la cedola pari a 65 centesimi per azione, per un dividendo complessivo di un miliardo di euro (ma è previsto che la società guidata da Mike Manley distribuirà, nei prossiimi mesi, un dividendo straordinarioconseguente alla cessione di Magneti Marelli; per cui, secondo gli analisti di Intermonte, la cedola complessiva di Fca arriverà a 1,92 euro per azione, con un rendimento del 13,1%).
A staccare la cedola, oggi, sono, appunto, anche Ferrari (1,03 euro per azione) e Cnh Industrial (18 centesimi per azione), il cui pagamento però avverrà giovedì 2 maggio; mentre Finecobank (0,303 euro) paga giovedì 25 aprile, così come Campari (0,05 euro) e Recordati (saldo di 0,47 euro per un totale di 0,92 euro per azione).
Tra le società del Mid Cap, con stacci della cedola il 23 aprile spiccano Banca Mediolanum (saldo di 0,2 euro e totale di 0,4 euro), Coimares (saldo di 0,2 euro e totale di 0,3 euro), Piaggio (0,09 euro); invecem pPer quanto riguarda l’Aim Italia: Fope ( 0,35 euro), Italian Wine Brands (0,4 euro) e Notoriuos Pictures (0,082 euro).
Tornando alle blue chip, il 22 maggio pagheranno il dividendo le piemontesi Buzzi Unicem (0,125 euro per azione ordinaria), Diasorin (0,9 euro), Intesa Sanpaolo (0,197 euro), Italgas (0,234 euro) e Ubi Banca (0,12), della quale è il maggior azionista singolo la Fondazione Crc di Cuneo. Invece Exor, la holding che controlla Fca, Ferrari, Cnh Industrial e Juventus, pagherà il dividendo (0,43 euro) il 26 giugno.

Nessun commento: