Regionali "champions" e fra le "top 500"

Dieci su cento. Sono dieci le imprese piemontesi che l'Economia del Corriere della Sera ha inserito nell'elenco delle “champions” 2019, le cento italiane selezionate fra quelle con fatturato compreso tra i 120 e i 500 milioni di euro nel 2017 e le seguenti caratteristiche: crescita media aggregata del 4,5% negli ultimi sette esercizi, profitti industriali lordi (ebitda) annuali pari ad almeno l'8,5% del fatturato negli ultimi tre anni e rating “ottimo”.
Un gruppo – le magnifiche cento – che nel 2017 ha avuto, complessivamente, ricavi per 21,403 miliardi di euro (+9,6% rispetto al 2011), un utile operativo lordo di 3,843 miliardi, aumentato mediamente del 17,68% all'anno nel triennio 2015-2017, un utile netto di 2,013 miliardi e una redditività del 14,49%. Dando lavoro a circa 80.000 persone.
Ecco le dieci piemontesi “champions” 2019 (tra parentesi fatturato e numero di dipendenti 2017): Esseco Group (347,434 milioni e 919 dipendenti), attiva nel settore componenti chimici e derivati; Guala Closures (241,061 e 1.762), chiusure di sicurezza; Fonti di Vinadio-Sant'Anna (218,374 e 159), acque minerali; Mirato (174,596 e 429), prodotti per l'igiene e la cura della persona; Eltek (174,427 e 1.180) componenti meccatronici per automotive, elettromestici e medicale; Balocco (167,386 e 312) dolci da forno; Lanificio Vitale Barberis Canonico (167,105 e 429), tessuti per abbigliamento; Metlac (166,220 e 165), vernici e smalti per contenitori metallici; Igor (148,202 e 178), formaggio gorgonzola; Mario Levi (130,878 e 238) rivestimenti interni per automotive.
Sempre L'economia del Corriere della Sera, con l'introduzione della brava Raffaella Polato, ha pubblicato anche l'elenco delle “top 500”, formato dalle aziende con fatturato 2017 compreso tra i 20 e 120 milioni e con le stesse performance delle “champions”. Insieme, queste 500, nel 2017 hanno registrato ricavi per 22,3 miliardi e un utile netto di 2,565, presentando una redditività del 19,8%, con quasi 80.000 dipendenti e sono cresciute mediamente del 12,7% all'anno nel periodo 2011-2017.
Delle “Top 500” fanno parte le seguenti imprese piemontesi (tra parentesi fatturato e numero di dipendenti 2017) : Bonarfin-gruppo Spea (118,376 milioni e 654 dipendenti), sistemi di collaudo microchip e schede elettroniche; 2A (111,774 e191), cerniere e componenti in alluminio per automotive; Chiorino (111,394 e 856), nastri di traspprto e processo, cinghie di trasmissione; Reda (108,179 e 381) tessuti per abbigliamento; Prodotti chimici e alimentari (95,366 e 233), principi attivi per la farmaceutica; Herno (84,980 e 171) abbigliamento; Fiorentini Alimentari (83.591 e 25), prodotti alimentari; Raselli Franco (81,781 e 557), gioielleria e oreficeria per conto terzi; Mt-gruppo Famar (74,463 e 206), macchinari per lavorazioni meccaniche automotive;
Gallina Holding (70,614 e 200), facciate in policarbonato; Dentis (70,396 e 113) materiali riciclati da pet per l'industria plastica; Autoblock (70,088 e 348), sistemi di presa pezzo su macchine utensili; Officina meccanica sestese (59,560 e 247) macchinari per il packaging; Fratelli Pettinaroli (56.877 e 250) valvole a sfera termostatiche di bilanciamento automatico; Santero Fratelli (53,973 e 49), commercializzazione vini spumanti; Tecnau (50,873 e 215), macchinari per l'industria della stampa digitale; Paolo Astori (50,580 e 160), particolari in metallo per automotive e aeronautica; Pontevecchio-gruppo Damilano (49,641 e 88), acque minerali; Meat&Doria (48,162 e 62) ricambi settore automotive; Mpe (46.674 e 217) componenti in plastica per automotive; Vigel (45,443 e 137) macchine utensili speciali; Fara Industriale (41.885 e 41) stampi e stampaggio per automotive;
Collines (40,814 e 119), macchinari per imballaggi plastici; Gp Tecnica (38,617 e 116) componenti di carrozzeria per automotive; Visgel Catering (36,944 e 62) alimentari; Reer (35.619 e 119), relè e sensori di sicurezza, lampade e sistemi di illuminazione; Sidat (34,203 e 60 (componenti e ricambi automotive), Lanificio Zignone (33,855 e 132) tessuti per abbigliamento maschile; Tekfer (33,644 e 43) sistemi di segnalamento e automazione del traffico ferroviario; Lauretana (33,329 e 72) acque minerali; Società Metanodotti Valletanaro (32,866 e 55) distribuzione gas metano; Teoresi (32,483 e 575) consulenza ingegneristica e soluzioni Ict; Cuneo Inox (30,659 e 35), lamiere e barre; Ondalba (29,775 e 51) imballaggi in cartone ondulato; Selmi (27,599 e 42) macchine per lavorazione del cioccolato, tostatura caffè e frutta secca;
Cover50 (17,524 e 51) abbigliamento, pantaloni; Trasgo (27,355 e 263) servizi di trasporto, logistica e allestimenti fieristici; Osar (26,777 e 107), componenti stampati a caldo per automotive; Mecal (26,117 e 99), attrezzature e componenti per l'industria; Iltar-Italbox Industrie Riunite (25,820 e 56) stampaggi componenti in polipropilene; Rubinetterie Condor (25,788 e 125), componenti per macchine per caffè, rubinetteria sanitaria; Forvet costruzioni macchine speciali (24,883 e 38), macchinari per l'industria del vetro; Telai Olagnero (24,817 e 119), telai per biciclette; Trivi (24,454 e 26), macchinari e impianti per l'industria alimentare; Farmaceutici Procemsa (24,249 e 103), integratori alimentari e sosmetici per conto terzi; Tecno Gi Plast (24,145 e 31) materiali plastici e accessori per calzature; Dira (23,141 e 52), distribuzioni vetri e cristalli per autoveicoli; Aec (22,664 e 49) componenti elettrici per automotive), Opac (22,411 e 52) produzione veicoli in serie limitata e capote; Bioindustria Lim (22,373 e 112) medicinali e prodotti farmaceutici; Selimat (21,554 e 137), distribuzione automatica bevande e snack; Garlando (21,297 e 75) articoli per intrattenimento e sport.

Nessun commento: