Pininfarina, da supercar il bilancio 2018 utile boom e fatturato oltre 100 milioni


Paolo Pininfarina con Silvio Angori 
Valore della produzione superiore ai cento milioni e boom dell'utile netto. Ecco due dei risultati principali conseguiti nel 2018 dalla Pininfarina e comunicati dopo la riunione del Consiglio di amministrazione che, presieduto da Paolo Pininfarina, ha approvato il progetto di bilancio della società e del gruppo e, fra l'altro, la proposta di non distribuire dividendo, preferendo rafforzare il patrimonio.
L’esercizio si chiude, per il gruppo Pininfarina, con un valore della produzione di 105,3 milioni, in aumento del 21% rispetto al 2017. L’incremento ha riguardato, in particolare, la fornitura di servizi di stile in Italia e Cina e le attività di produzione di vetture one-off e show car. Il margine operativo lordo, positivo per 7,5 milioni nel 2017 è aumentato a 12,6 milioni, principalmente per il contributo della capogruppo e di Pininfarina Shanghai. Il Risultato operativo risulta positivo per 3,8 milioni in riduzione di 0,4 milioni, in seguito a un accantonamento di 5,3 milioni al fondo svalutazione crediti, derivante dalla sospensione di alcuni specifici contratti.
Il risultato netto del gruppo è positivo per 2,2 milioni di euro e si confronta con l'utile netto di 1,3 milioni nel 2017. Però, la capogruppo ha chiuso il 2018 con l'utile netto di 5,7 milioni a fronte dei 600.000 euro conseguiti nell'esercizio precedente.
Quanto al patrimonio netto del gruppo, guidato dall'amministratore delegato Silvio Angori, al 31 dicembre ammonta a 61,7 milioni (+5% ) principalmente per l’utile di esercizio. E' la posizione finanziaria netta è positiva per 5,2 milioni di euro, inferiore ai 12 milioni precedenti, sostanzialmente per la dinamica del capitale circolante a ridosso della chiusura dell’esercizio.
Il settore dei servizi, che raggruppa le attività di design, industrial design ed engineering, mostra un valore della produzione pari a 97,4 milioni di euro (+27%). L'incremento è dovuto essenzialmente alle maggiori attività di stile svolte in Italia e Cina e di produzione di vetture one-off e show car. Il risultato operativo del settore è positivo per 14,1 milioni, in deciso aumento rispetto ai 9,4 del 2017.

Nessun commento: