Piemonte, riesplosa la cassa integrazione: in febbraio + 156,8% la straordinaria

Febbraio esplosivo per la cassa integrazione in Piemonte: sono aumentate del 91,4% rispetto allo stesso mese dell'anno scorso le ore autorizzate per trattamenti di integrazione salariale. Sono salite a 5,052 milioni dai 2,639 milioni del febbraio 2018. E questo mentre tutta l'Italia ha fatto registrare un aumento del 25,6%, da 23,052 milioni a 28,959.
In particolare, sono state 1,536 milioni le ore autorizzate di Cig ordinaria, il numero più alto di tutte le regioni. Rispetto a febbraio 2018 l'incremento è stato del 20,9%, che diventa ancora più significativo considerando che l'Italia nel suo insieme ha avuto un calo dell'11,7%.
Quanto alla cassa integrazione straordinaria, l'aumento è stato del 156,8%, a fronte della media nazionale del 60,9%. Per il Piemonte sono state autorizzate 3,516 milioni di ore contro 1,369 milioni di febbraio dell'anno scorso.
Vero e proprio boom, poi, della cassa per solidarietà: 3,129 milioni di ore autorizzate, il 609,3% in più rispetto alle 441.171 ore dello stesso mese 2018 (l'incremento nazionale è risultato del 93,4%).
I dati Inps di febbraio raggelano non solo per se stessi ma anche perché arrivano dopo un inizio d'anno che aveva invece illuso. In gennaio, infatti, la cassa integrazione si era ridotta di oltre un terzo rispetto allo stesso mese del 2018. In regione erano state autorizzate, complessivamente, 1,128 milioni di ore per trattamenti di integrazione salariale, il 34,28% meno che nel gennaio precedente (a livello nazionale il calo era stato del 12,29%).
Tra l'altro, allora, quasi il 60% delle ore autorizzate in Piemonte (per la precisione il 59,92%) era dovuto alla cassa integrazione ordinaria (664.738 ore), concessa alle imprese per crisi non strutturale, ma momentanea, conseguente prevalentemente a riduzioni di commesse per difficoltà del mercato. Fra l'altro, nell'intero Paese,le ore di cassa integrazione ordinaria erano aumentate del 5% rispetto a gennaio dell'anno passato.
Anche per la cassa integrazione straordinaria, il Piemonte aveva fatto meglio del Paese nel suo insieme. Infatti, in gennaio, la regione aveva fatto registrare 463.382 ore di cig straordinaria, con una riduzione del 34,06% a fronte del calo medio nazionale del 21,97%. Ben sei altre regioni avevano avuto un numero di ore autorizzate superiore a quello del Piemonte.
L'Inps ha comunicato anche gli ultimi dati relativi alla Naspi, la nuova prestazione di assicurazione sociale per l'impiego, che ha sostituito l'indennità di disoccupazione. In gennaio, le domande per ottenere la Naspi sono state 13.545 in Piemonte (198.294 a livello nazionale). In tutto il 2018, ne sono state contate 112.180, a fronte delle 103.577 dell'intero 2017 e le 95.825 di tutto il 2016. In altre otto regioni le richieste dell'anno scorso sono state di più: in Lombardia (245.599), Campania (215.248), Sicilia (174.922), Emilia-Romagna (160.309), Lazio (158.969), Veneto (154.669), Puglia (152.195) e Toscana (135.399).

Nessun commento: