Manovre di Ream sgr e della De Agostini nel settore degli investimenti immobiliari

Oronzo Perrini
direttore generale Ream Sgr
La torinese Ream Sgr, che ha come maggiore socio la Fondazione Crt, ha effettuato una serie di dismissioni e nuove acquisizioni che hanno interessato il portafoglio immobiliare del Fondo Sympleo, che gestisce. Il 21 febbraio, Sympleo ha ceduto a un fondo comune di investimento alternativo immobiliare riservato a investitori professionali e gestito da Bnpp Reim un immobile a uso uffici in Roma, per un valore di 37,7 milioni. L'immobile è stato precedentemente oggetto di un’intensa attività di asset management, che ha portato a una sua completa riqualificazione e alla locazione a società di elevato standing.
Sei giorno dopo, il Fondo gestito dalla sgr presieduta da Giovannii Quaglia, ha ceduto anche una porzione dell’immobile di Roma, in Via del Corso e denominato “Palazzo Odescalchi”, all'ACRI, l'associazione di Fondazioni e di Casse di Risparmio, per 14,75 milioni.
Sempre in data 27 febbraio 2019 il Fondo ha, altresì, acquisito da un fondo comune di investimento immobiliare gestito da Generali Real Estate un immobile a uso direzionale, in Milano ed ha sottoscritto un preliminare di compravendita per un altro immobile a uso uffici ancora nel capoluogo lombardo. Entrambi sono interamente locati a primari conduttori.
A sua volta, DeA Capital società quotata del gruppo novarese De Agostini (famiglia Boroli-Drago) ha comprato da Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia il 6% circa di DeA Capital Real Estate Sgr, salendo così al 100% del capitale sociale di quest’ultima. Il corrispettivo dell’acquisizione è stato fissato in 8 milioni e regolato tramite la cessione da parte di DeA Capital di 5.174.172 di azioni proprie, pari all'1,7% dell’attuale capitale sociale (inoltre è previsto un meccanismo di earn-out, sino a massimi 0,9 milioni, collegato al raggiungimento di determinati obiettivi di nuove masse in gestione da parte della stessa sgr nell’arco del triennio 2019-2021).
Sulle azioni DeA Capital S.p.A. oggetto dell’operazione, Fondazione Cassa di Risparmio della Spezia ha assunto un impegno di lock-up della durata di sei mesi.
Il torinese Paolo Ceretti, amministratore delegato di DeA Capital, ha dichiarato: “A seguito di questa operazione siamo arrivati a detenere il 100% della nostra Piattaforma di Alternative Asset Management in Italia, creando i presupposti per una maggiore flessibilità operativa e strategica, anche alla luce dei progetti di sviluppo internazionale recentemente intrapresi. A quest’ultimo riguardo, abbiamo da poco finalizzato la costituzione di una società operante nel real estate in Spagna, dopo aver già avviato analoghe attività in Francia a fine 2017”.

Nessun commento: