Con la cura Urbano Cairo Rcs (Corriere) torna a dare il dividendo dopo dieci anni

L'alessandrino Urbano Cairo, numero uno di Rcs M
Il Toro, domenica, ha perso; ma il suo presidente, l'alessandrino Urbano Cairo, oggi, 18 marzo, si è tolto una gran bella soddisfazione. Cairo, infatti, ha potuto comunicare che Rcs MediaGroup, società quotata in Borsa della quale è l'azionista di maggioranza assoluta oltre che la guida, torna a distribuire un dividendo, dopo dieci anni di bocca asciutta. E questo grazie ai brillanti risultati conseguiti nel 2018 dalla storica impresa editoriale, che pubblica anche il Corriere della Sera.
Nel 2018, il gruppo Rcs ha pienamente raggiunto gli obiettivi economico-finanziari previsti: risultato operativo lordo (ebitda) di 155,3 milioni (+ 17,1 milioni rispetto al 2017), efficienze pari a 25,7 milioni, utile di 85,2 milioni (+14,1 milioni del precedente, che aveva beneficiato per circa 14,9 milioni della plusvalenza netta derivante dalla cessione della partecipazione in Ieo).
Non solo: l'indebitamento finanziario netto è sceso a 187,6 milioni, evidenziando un decremento di circa 100 milioni rispetto ai 287,4 milioni al 31 dicembre 2017 e di 234,8 milioni rispetto al 30 giugno 2016.
I ricavi netti consolidatidi sono ammontati a 975,6 milioni, rispetto agli 895,8 milioni del 2017. In particolare, i ricavi pubblicitari sono saliti a 405,8 milioni (+2% circa), mentre quelli editoriali sono calati a 432,3 milioni, a causa di Unidad Editorial, la cui flessione solo in parte è stata compensata dall’incremento di 1,8 milioni (+0,6%) da parte di Quotidiani Italia, realizzato anche grazie allo sviluppo dei ricavi da abbonamenti digitali del Corriere della Sera (a livello diffusionale, Rcs MediaGrou conferma la leadership nei rispettivi segmenti di riferimento con i quotidiani Corriere della Sera,La Gazzetta dello Sport, Marca ed Expansiòn, mentre El Mundo conferma la seconda posizione tra i quotidiani generalisti spagnoli).
I ricavi digitali totali realizzati dal Gruppo sono ammontati a circa 163 milioni, segnando una crescita del 12,6% rispetto 2017, con una percentuale di incidenza sui ricavi complessivi del 16,7%.
Nel corso del 2018 è proseguito l’impegno sul contenimento dei costi operativi e di struttura, accompagnato da una intensa attività di arricchimento e sviluppo dell’offerta editoriale, sia sul canale digitale sia su quello tradizionale.
Così, il Consiglio di amministrazione, presieduto da Urbano Cairo, ha deliberato di proporre all'ssemblea dei soci la distribuzione di un dividendo di 0,06 euro per azione. La remunerazione del capitale torna dopo 10 anni.
Inoltre, “in considerazione delle azioni già messe in atto e di quelle previste per lo sviluppo dei prodotti e ricavi, così come per il continuo perseguimento dell’efficienza operativa, in assenza di eventi al momento non prevedibili e senza considerare gli effetti della diversa rappresentazione contabile che deriveranno dall’adozione, a partire dal 1 gennaio 2019, del nuovo principio contabile, il Gruppo ritiene che sia possibile confermare per il 2019 l’obiettivo di conseguire livelli di marginalità e flussi di cassa della gestione operativa sostanzialmente in linea con quelli realizzati nel 2018, consentendo un’ulteriore significativa riduzione dell’indebitamento finanziario netto.
L’evoluzione della situazione generale dell’economia e dei settori di riferimento potrebbe tuttavia condizionare il pieno raggiungimento di questi obiettivi” è stato precisato.

Nessun commento: