Carbonato propone ai soci Prima Industrie l'aumento del 10% del dividendo

Gianfranco Carbonato, presidente Prima Industre
L'aumento del dividendo a 0,44 euro per azione, il 10% in più rispetto al precedente: è quanto proporrà ai soci di Prima Industrie il Consiglio di amministrazione presieduto da Gianfranco Carbonato, in seguito ai risultati conseguiti nel 2018. Il gruppo torinese, leader nel settore ad alta tecnologia dei sistemi laser e di lavorazione della lamiera e dei componenti elettronici per applicazioni industriali, ha registrato un fatturato consolidato di 466,9 milioni (+3,9%. rispetto al 2017; ma a cambi costanti la crescita sarebbe stata del 6%), un utile netto operativo di 47,9 milioni (+6,2% e pari al 10,3% dei ricavi) e un utile netto i 24,1 milioni (+28,9%).
La redditività del gruppo è stata influenzata nel 2018 da un mix di prodotto che ha visto prevalere le macchine destinate al settore sheet metal fabrication rispetto alle macchine destinate all’industria automotive; inoltre ha risentito di alcuni costi non ricorrenti, penalizzanti per 4,2 milioni, che si riferiscono principalmente a consulenze professionali connesse ad eventi straordinari (incluso M&A), alla rilocalizzazione dello stabilimento finlandese, alla ristrutturazione della filiale tedesca, all’impairment di un immobile e a spese di sviluppo precedentemente capitalizzate.
Il risultato netto consolidato ha beneficiato invece dei proventi non ricorrenti, pari a 7,2 milioni conseguenti alla cessione dell’intera partecipazione detenuta da Prima Electro nella società Eps, che hanno più che bilanciato i costi finanziari di natura non ricorrente ,legati al rifinanziamento del bond e del debito bancario a medio termine
Al 31 dicembre scorso i dipendenti del gruppo erano 1.871, quindi 90 più che alla stessa data 2017 e ammontava a 169,4 milioni il portafoglio ordini.
L’ammontare complessivo dei dividendi, tenuto conto delle azioni in circolazione è stimato in 4,568 milioni.

Nessun commento: