Violante presidente Fondazione Leonardo

Luciano Violante
Sarà Luciano Violante, torinese d'adozione, il primo presidente della Fondazione Leonardo-Civiltà delle macchine, risultato di un progetto volto a raccogliere la sfida derivante dallo sviluppo tecnologico in atto per arrivare ad un “nuovo umanesimo industriale”. La nuova Fondazione è stata presentata a Roma, alla presenza del premier Giuseppe Conte e dell’amministratore delegato di Leonardo, Alessandro Profumo.
L’Italia non è Disneyland – ha affermato Luciano Violante – è, invece, un Paese che contribuisce in misura rilevante alla civilizzazione e allo sviluppo. La tecnologia è il vero strumento della globalizzazione, ma deve servire l’uomo, non viceversa. Puntiamo a sviluppare la sinergia tra scuola e imprese, tra industria e cultura“.
Il lancio della Fondazione Leonardo – Civiltà delle macchine segna un momento importante sia nella storia del gruppo, sia nel percorso di dialogo e confronto tra industria e cultura, tra scienza e arte” ed è anche “un ritorno alla nostre radici”, ha dichiarato Alessandro Profumo, presentando l’iniziativa.
Come riportato da Firstonline, l'autorevole giornale web di economia e finanza diretto da Franco Locatelli, Profumo ha aggiunto che “La Fondazione rappresenta il ponte ideale tra passato e futuro, per mettere la tecnologia al servizio del bene comune per un nuovo umanesimo industriale”.
Le infrastrutture nevralgiche non possono fare a meno della tecnologia e le tecnologie hanno uno spazio fondamentale nella diffusione della cultura. Nell’era digitale Civiltà delle macchine è civiltà del presente, la grande sfida che ci poniamo – ha concluso Alessandro Profumo – è affrontare questa complessità per costruire assieme un futuro sostenibile”.

Nessun commento: