Grande batosta della Juve anche in Borsa suo il maggior ribasso della seduta: -11,11%

Cristiano Ronaldo
Duro uno-due sulla Juventus. Dopo il secco 2 a 0 subito ieri sera dall'Atletico a Madrid nella partita di Champions League, oggi, 21 febbraio, la Juventus ha preso una grande batosta in Borsa. Il titolo della società bianconera ha registrato il maggior ribasso di tutto il listino di Piazza Affari. Infatti, l'ultimo prezzo dell'azione Juventus è stato di 1,288 euro, l'11,11% in meno rispetto alla seduta precedente, quando, invece lo stesso titolo era stato il terzo migliori tra quelli appartenenti al Ftse Mib, che rappresenta i quaranta principali trattati alla Borsa di Milano.
Oggi, l'indice Ftse Mib ha perso lo 0,47%, scendendo a 20.210 punti.
Delle quotate piemontesi, ribassi superiori a quello del Ftse sono stati fatti segnare da Astm (-1,93%), Autogrill (-0,64%), Bim (-2,67%), Buzzi Unicem (-0,76%), Cofide (-1,70%), Conafi (-1,11%), Exor (-2.14%), Fca (-1,15%), Fidia (-1,16%), Guala Closures (-1,28%), Intesa Sanpaolo (-0,80%), Italia Independent (-4,15%), Prima Industrie (-2,38%) e Sias (-0,54%).
Al contrario, le piemontesi che hanno chiuso con segno positivo rispetto a ieri sono Basicne (+1,13%), Cdr Advance Capital (+1,83%), Cover50 (+0,48%), Diasorin (+0,83%), Iren (+0,19%), M&C (+0,50%), Reply (+0,19%) e Tinexta (+0,86%). Quest'ultima, in particolare, ha ancora migliorato il suo record storico terminando la seduta a 8,25 euro.
Invariati i prezzi di Borgosesia, Centrale del Latte d'Italia, Damiani, Ki Group e Pininfarina.

Nessun commento: