Fondazione Crt, fase 2 degli Stati Generali focus group sul welfare e il volontariato

Giovanni Quaglia, presidente Fondazione Crt
Oltre 200 rappresentanti del mondo del welfare e del volontariato piemontese parteciperanno, giovedì 7 febbraio, alle ore 10.30, a Torino, in Fondazione Crt, via XX Settembre 31, alla fase due degli “Stati Generali”, la grande operazione sistemica, basata sull’ascolto, per ridefinire mission, vision e strategie della Fondazione per il prossimo decennio e rilanciarne il ruolo di “motore” della crescita e dello sviluppo del territorio anche in una dimensione internazionale.
Dopo una prima fase caratterizzata da 150 interviste nel Nord Ovest a esponenti delle istituzioni, “saggi” e opinion leader, prendono il via i “focus group” tematici, con la partecipazione di rappresentanti delle associazioni ed enti non profit impegnati nelle tre macro aree di attività della Fondazione Crt: welfare e tutela del territorio, arte e cultura, ricerca, innovazione e formazione del capitale umano.
I primi focus group del 7 febbraio in Fondazione Crt saranno dedicati ai temi della coesione, della solidarietà, dell’inclusione sociale, del welfare comunitario, del volontariato per il primo soccorso e per la protezione civile.
Come contrastare con iniziative specifiche le tante fragilità e povertà sociali, territoriali, ambientali del nostro tempo? Questa domanda – afferma il presidente della Fondazione Crt, Giovanni Quaglia – sarà al centro dell’intera giornata di riflessione in Fondazione Crt che, dopo oltre 25 anni di attività, sta assumendo un nuovo ruolo: non solo erogatore di risorse, ma anche incubatore di idee, mettendo al servizio del territorio un patrimonio di conoscenze, competenze, relazioni e nuovi strumenti di intervento”.
I successivi focus group in Fondazione Crt (tutti dalle ore 10.30) si terranno mercoledì 13 febbraio sulla ricerca, l’innovazione e la formazione del capitale umano; giovedì 21 febbraio sull’educazione alla cittadinanza; venerdì 1 marzo sulla produzione artistica e culturale, l’heritage e la valorizzazione del territorio.

Nessun commento: